Amnesty International lancia ‘Detekt’, un software per scoprire se si è sorvegliati

(ASKAnews)  Una coalizione di gruppi per la difesa dei diritti umani, guidata da Amnesty International, ha lanciato un nuovo software che consentirà a giornalisti e attivisti di scoprire se i loro computer sono sorvegliati. “Detekt”, questo il nome del programma, “è il primo strumento a essere reso disponibile al pubblico che rileva gli spyware principali”, ha scritto Amnesty in un documento, aggiungendo un link per il download gratuito.

“Detekt” è stato realizzato con la collaborazione della Gesellschaft in Germania, della Electronic Frontier Foundation negli Usa e di Privacy International in Gran Bretagna. “I governi usano sempre di più mezzi tecnologici pericolosi e sofisticati”, ha detto Marek Marczynski di Amnesty. “Deteckt è uno strumento semplice che avvertirà giornalisti e attivisti delle possibili intrusioni”.

Sul sito web dell’associazione compare una copia della nota di avvertimento lanciata dal software: “Pericolo! Sono riuscito a identificare la potenziale presenza di qualche spyware! Dovresti spegnere il computer, non connetterti a internet o qualche altro dispositivo esterno e chiedere assistenza”.(ASKAnews 20 novembre 2014)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Editoria, il sottosegretario Moles: nessuno deve essere lasciato indietro; spero di poter fare tutto ciò che è necessario fare

Editoria, il sottosegretario Moles: nessuno deve essere lasciato indietro; spero di poter fare tutto ciò che è necessario fare

L’editoria ha perso 600 milioni di euro. Fieg: in Recovery Plan serve progetto specifico per innovazione digitale

L’editoria ha perso 600 milioni di euro. Fieg: in Recovery Plan serve progetto specifico per innovazione digitale

Audioutdoor lancia il progetto ‘Pubblicità per la città’. Ogni euro investito sui mezzi in mobilità, metà va a beneficio diretto dei cittadini

Audioutdoor lancia il progetto ‘Pubblicità per la città’. Ogni euro investito sui mezzi in mobilità, metà va a beneficio diretto dei cittadini