I 50 brand Made in Italy con il maggior valore sul mercato (RICERCA)

Quanto sono brave le aziende italiane a rendere forte il proprio marchio sul mercato e a sfruttarlo come leva per la crescita e la competitività? Quali sono quelle che meglio ci sono riuscite? Prova a rispondere Legalcommunity.it, che ha deciso di mappare le aziende italiane di dimensioni medie, nei tre settori tipici del Made in Italy, quelli delle ‘tre F’ (Fashion, Food e Furniture), per riconoscere le 11 imprese che più si sono distinte nella valorizzazione del proprio marchio. L’iniziativa è stata presentata con un evento organizzato da Legalcommunity.it a Milano: Fashion Food Furniture – Save The Brand. Le imprese sono state selezionate tra le 50 migliori nell’ambito delle tre F per: forte crescita e orientamento all’export, internazionalizzazione, propensione al design e innovazione.

Di seguito le aziende premiate da Legalcommunity.it, suddivise in base agli ambiti in cui si sono distinte.

Crescita del branded business: aziende che hanno saputo trasformare in crescita l’opportunità derivante dall’evoluzione dell’approccio del consumatore e che hanno costruito e veicolato con il loro marchio un’offerta di vero valore portando sul mercato innovazione, vantaggi e utilità reali:
– FURLA
– MORATO PANE S.P.A.

Redditività del branded business: aziende che hanno saputo distinguersi negli ultimi anni con buone performance rispetto all’andamento del settore e superare la congiuntura negativa puntando sulla creazione di valore e sulla redditività del branded business:
– IGUZZINI ILLUMINAZIONE S.P.A.
– MUTTI S.P.A.
– CANALI S.P.A.

Binomio tradizione e innovazione: brand storici, che si sono distinti in questo periodo di congiuntura socio-economica fortemente negativa grazie a una proposta di valore concreta, sempre più globale e fortemente orientata al concetto di innovazione per guidare il consumatore nell’esperienza di consumo:
-MOLTENI & C SPA
– VENCHI

Style & Design: aziende che hanno intrapreso un percorso di stile e design trasversale, dal prodotto al brand fino al consumo e che sono in grado di posizionarsi e di eccellere sul mercato globale con forte know-how e capacità di realizzare prodotti unici:
– ROBERTO CAVALLI S.P.A.

Internazionalizzazione: aziende che, in un panorama competitivo dove gli universi di Food, Fashion e Furniture sono sempre più interconnessi per affinità culturale e di mercato, hanno puntato fortemente sull’internazionalizzazione sviluppando il proprio business sui mercati esteri con particolare riferimento a quelli interessati all’alto di gamma:
– CASA VINICOLA ZONIN S.P.A.
– ARPER

Emergenti: aziende che raccontano storie di successo di giovani brand, in forte crescita, con spiccata propensione all’internazionalizzazione che hanno costruito un’offerta solida e ben posizionata raggiungendo negli ultimi anni crescente visibilità, eccellenti performance e possibilità di sviluppo costante:
– VALDIGRANO DI FLAVIO PAGANI S.R.L.

Durante la serata Legalcommunity.it ha anche annunciato i risultati di una ricerca svolta in partnership con Icm Advisors, che stima il valore del portafoglio marchi delle imprese italiane di dimensioni medie che negli ultimi anni si sono distinte per la loro eccellenza economica e marketing. Una ricerca che assume ancora più valore se si considera che i settori ‘tre F’ sono quelli in cui il marchio rappresenta un vettore critico di sviluppo.


Le 50 società del campione sono tutte medie aziende italiane, con un fatturato compreso tra i 30 e i 300 milioni di euro. Sono presenti sia società per azioni che aziende familiari.

L’evento Fashion Food Furniture – Save The Brand è stato realizzato da Legalcommunity.it, con il supporto dei main partner Gianni Origoni Grippo Cappelli & Partners, Hi.lex, K&L Gates ed Edelman; e con la collaborazione di Limatola Avvocati, RDR Law Firm. I Media partner sono Financecommunity.it e Chi è Chi.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Agcom: dal 2011 persi un quarto dei ricavi nelle comunicazioni. In 7 anni +93% per la pubblicità online

Agcom: dal 2011 persi un quarto dei ricavi nelle comunicazioni. In 7 anni +93% per la pubblicità online

L’anno prossimo la pubblicità online varrà più della metà del mercato. Zenith, previsioni Italia 2021: tv-0,8%, digitale+6,3%, quotidiani-7,7% …

L’anno prossimo la pubblicità online varrà più della metà del mercato. Zenith, previsioni Italia 2021: tv-0,8%, digitale+6,3%, quotidiani-7,7% …

Pubblicità a +0,6% nel 2019 e +2,1% nel 2020. Le previsioni del Centro Studi Una. Traina il digitale, la stampa perde terreno

Pubblicità a +0,6% nel 2019 e +2,1% nel 2020. Le previsioni del Centro Studi Una. Traina il digitale, la stampa perde terreno