Urbano Cairo smentisce le voci sulla vendita de La7 e attacca la Rai: Toglietegli gli spot

(Liberoquotidiano)  Puntuali come un orologio svizzero arrivano, con i calanti ascolti ed i flop di La7, le indiscrezioni su di un probabile addio di Urbano Cairo. L’imprenditore piemontese aveva puntato molto sui nuovi acquisti come Giovanni Floris con DiMartedì, su Annozero di Michele Santoro e Announo con Giulia Innocenzi ed è proprio da questi tre programmi (anche se il primo è in miglioramento) che arrivano i problemi.Tuttavia Cairo smentisce con forza. Nonostante la crisi di ascolti, assicura, gli spot stanno andando benissimo. La mossa per risollevare l’azienda, sta nel cambio di strategia: non più sette talk show d’informazione per sette serate ma l’introduzione in prima serata forse proprio di giovedì o mercoledì, di un talent show o programma di comicità (magari sulla falsariga di quello condotto da Maurizio Crozza che è la trasmissione di punta) senza, però, trascurare l’opzione di una trasmissione a carattere scientifico o di pura cronaca.

Urbano Cairo (foto Leonardo.it)

Urbano Cairo (foto Leonardo.it)

Battaglia contro la Rai – Gli analisti però ritengono che, appena Rai e Mediaset ritroveranno lo smalto sul fronte pubblicitario e in vista della scadenza del lock-up ad aprile 2015 (che renderà possibile la vendita delle proprie azioni) l’editore possa lasciare il business televisivo. Cairo però si dice non preoccupato da questi dati sottolineando il fatto che la sua La7 è in forma, il gruppo è solido, non ha debiti e fa profitti. Ciò che lo preoccupa è il potenziale rafforzamento che avrà la Rai grazie alla manovra di Renzi che consentirà di inserire il canone in bolletta. Da qui la sua proposta di impedire alla televisione pubblica di poter essere sovvenzionata dagli spot. “Un’azienda come la Rai – dichiara Cairo secondo quanto riportato dal quotidiano economico MilanoFinanza – che parte da una base di 1,6-1,7 miliardi rappresentati dal canone, ossia 15 volte i ricavi di La7, non dovrebbe avere più pubblicità sui suoi canali. Lo squilibrio che si verrebbe a creare sul mercato è evidente, perché io con La7 vivo solo di spot e a volte faccio più servizio pubblico di loro”.

http://www.liberoquotidiano.it/news/personaggi/11725498/La7–la-voce–.html

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Usa 2020, Trump contro media e big tech: sono corrotti. Non abbiamo libertà di stampa, ma solo fake news

Usa 2020, Trump contro media e big tech: sono corrotti. Non abbiamo libertà di stampa, ma solo fake news

Conte: conosciamo il valore sociale non solo economico di cinema e spettacolo; consapevoli degli immani sacrifici chiesti

Conte: conosciamo il valore sociale non solo economico di cinema e spettacolo; consapevoli degli immani sacrifici chiesti

Fondo Dni-Google per il giornalismo ha distribuito finora in Italia 11,5 milioni di euro in 45 progetti

Fondo Dni-Google per il giornalismo ha distribuito finora in Italia 11,5 milioni di euro in 45 progetti