Polemica nel M5S sulla presenza nei talk. “Se non andiamo in televisione vince Salvini” (VIDEO)

(EspressoMara Mucci, bolognese, deputata del Movimento 5 stelle confessa: «Anche io sono andata in televisione». Mucci si inserisce così nella polemica tra Beppe Grillo e Walter Rizzetto, deputato 5 stelle, censurato dal leader via blog per esser andato in televisione senza permesso.Rizzetto è comparso sugli schermi di La7, ospite di Alessandra Sardoni a Omnibus. «Non ho detto nulla di sconveniente e non in linea con il M5S, anzi», assicura il deputato che però si vede costretto a tenere il punto, alzando lo scontro: «Non chiedo il permesso ai tuoi cortigiani» è la replica all’ex comico. «Mentre Walter era su La7 io ero ospite a Rainews24» aggiunge Mucci all’Espresso: «Il problema è proprio questo, la discrezionalità dei richiami. Alcune persone sono libere di andare, in alcuni programmi si può andare: forse è una questione di share» ipotizza la deputata, ironica.

Walter Rizzetto

Walter Rizzetto

 

L’ultima polemica sulle comparsate televisive è frutto del clima teso, nel movimento 5 stelle, sull’analisi post elettorale. Per molti parlamentari del Movimento, il risultato è deludente, e non si può certo esser contenti nel contare i quasi 300 mila voti persi in Emilia Romagna rispetto alla elezioni europee e nel leggere quel 4,9 per cento preso in Calabria. C’è chi invoca un congresso, e l’idea per molti deputati non è così peregrina: «L’idea base dei 5 stelle è la partecipazione» dice ancora Mucci, «e quindi più ce ne è, meglio è». E se un congresso è cosa da vecchio partito, ben lontano dall’idea di Grillo e Casaleggio, «sarebbe però bello» continua la deputata, «trovare altri spazi di discussione, occasioni che non siano soltanto online». Perché, «la rete da sola evidentemente non basta, come non bastano le molte assemblee territoriali che pure facciamo e che però dovrebbero essere più “decisionali”».

La critica è sempre la stessa: troppo verticismo. E troppo potere nelle mani dello staff di comunicazione. A questo si aggiunge la difficoltà riscontrata da deputati e senatori nel praticare la ricercata “democrazia diretta”: «Spesso abbiamo preso le decisioni in modo partecipato» è l’esperienza di Mucci, «ma troppe volte noi deputati, qua dentro, prendiamo decisioni in autonomia, senza esercitare il metodo delle consultazioni». Tutto questo c’è dietro il tonfo emiliano, con l’aggiunta delll’affaire Defranceschi, l’ex capogruppo allontanato dal Movimento con un post sul blog per la vicenda di rimborsopoli: «Non so quanto abbia influito, ma certo il suo allontanamento ha fatto discutere molto nel Movimento, perché lui ha sempre lavorato bene» è ancora la voce di Mucci, «sicuramente dobbiamo migliorare il modo in cui si arriva ad alcune decisioni, prese in fretta dallo staff e non dalla comunità dei 5 stelle».

Nel commentare la sconfitta elettorale, un’altra deputata, Serenella Fuksia, ha messo sul banco degli imputati direttamente il responsabile comunicazione Rocco Casalino («famoso al grande pubblico come ex partecipante al grande fratello, ingegnere per caso e capo comunicazione del Mcs, per una botta di lato B»). Su questo Mucci aggiunge un’amara constatazione: «O sei molto molto forte sul territorio, come il Pd che in Emilia ha le sezioni e le cooperative, e quindi anche molti vincoli lavorativi, oppure devi essere molto bravo a comunicare: per questo è difficile capire perché dovremmo rinunciare a un canale come la televisione».

L’allarme è alto: «Se non andiamo in tv finisce che passa solo il messaggio di Matteo Salvini, che anche dove la Lega non ha un radicamento, come a Rimini, raccoglie molti consensi». Mucci non crede che l’elettorato dei 5 stelle sia passato alla Lega («questo no» dice, «se i nostri elettorati fossero così interscambiabili vorrebbe dire che abbiamo sbagliato tutto»), ma l’assenza della voce dei 5 stelle, sicuramente, «ha spinto molti a non andare a votare».

http://espresso.repubblica.it/palazzo/2014/11/25/news/m5s-e-polemica-sulla-presenza-nei-talk-se-non-andiamo-in-tv-vince-salvini-1.189247

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Apple mette sul piatto 6 miliardi di dollari per la produzione di contenuti video originali

Apple mette sul piatto 6 miliardi di dollari per la produzione di contenuti video originali

Twitter e Facebook contro le fake news sulle proteste a Hong Kong. Allarme interferenze cinesi

Twitter e Facebook contro le fake news sulle proteste a Hong Kong. Allarme interferenze cinesi

Nel 2019 spese ogni giorno quasi 3 ore per informarsi sul web. Zenith: in 10 anni dimezzato il tempo usato per leggere quotidiani stampati

Nel 2019 spese ogni giorno quasi 3 ore per informarsi sul web. Zenith: in 10 anni dimezzato il tempo usato per leggere quotidiani stampati