Il Grazia International Network,la rete internazionale creata dal gruppo Mondadori, da questo mese il magazine è pubblicato anche in Qatar

(MF-DJ) Il Grazia International Network, la rete internazionale creata dal Gruppo Mondadori per la pubblicazione in tutto il mondo di Grazia, si arricchisce di due nuove edizioni, portando a ventiquattro il numero dei Paesi in cui il brand è presente.

In particolare, spiega una nota, il 2015 si aprirà con il lancio di Grazia Turchia, pubblicato dal prossimo febbraio ogni settimana da Ommedya Group, uno dei gruppi editoriali più attivi nel paese. Inoltre da questo mese il magazine è pubblicato anche in Qatar, in seguito all’accordo di licensing siglato con Itp Consumer Publishing Ltd, editore anche di Grazia Middle East che il prossimo anno celebrerà il suo decimo anniversario. Con questo nuovo lancio, Grazia consolida la propria presenza in uno dei Paesi in maggior sviluppo degli Emirati, una delle realtà con il più alto reddito pro capite del mondo e un’alta concentrazione di luxury brand.

“Questa nuova partnership rappresenta un traguardo importante perché ci permette di estendere la presenza del Grazia International Network nel bacino del Mediterraneo, in un’economia, come quella turca, che sta registrando ottime performance, diventando palcoscenico privilegiato per nuovi investimenti nel mondo della moda”, ha dichiarato Zeno Pellizzari, direttore generale Mondadori International Business. MF-DJ

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Usa 2020, Instagram rimuove la funzione ‘Recenti’ per contrastare le fake news

Usa 2020, Instagram rimuove la funzione ‘Recenti’ per contrastare le fake news

Tgr Liguria si trasferisce nei teatri per sottolinearne la grave situazione. Si inizia con l’Ariston di Sanremo

Tgr Liguria si trasferisce nei teatri per sottolinearne la grave situazione. Si inizia con l’Ariston di Sanremo

La nuova regola della Bbc ai dipendenti: no a opinioni personali o politiche sui social network

La nuova regola della Bbc ai dipendenti: no a opinioni personali o politiche sui social network