Operativa da oggi Mediaset Premium Spa. Per l’ultimo trimestre previsto un utile operativo di 19 milioni di euro

Da oggi lunedì 1° dicembre è operativa la nuova società Mediaset Premium spa a cui sono state integralmente conferite le attività di televisione a pagamento create nel 2005 dal gruppo Mediaset. Ecco la nota del gruppo:

Come previsto, ai sensi dell’articolo 2343-Ter del Codice civile, è stata depositata presso il Registro Imprese la Relazione di stima relativa al conferimento del ramo d’azienda che prevede il passaggio a Mediaset Premium di 267 dipendenti tra dirigenti, impiegati, tecnici e giornalisti già in forza al Gruppo Mediaset.

Dalla situazione patrimoniale al 30 settembre 2014 emerge in Relazione un totale delle attività di oltre 2 miliardi di euro e un utile operativo (Ebit) per l’ultimo trimestre dell’esercizio stimato in 19 milioni di euro. La struttura manageriale della nuova società è così costituita: Franco Ricci amministratore delegato a cui riportano il direttore Contenuti Yves Confalonieri, il direttore Commerciale Marco Rosini, il direttore Tecnologie Eugenio Pettazzi e il direttore Sistemi Informativi Domenico Alessio. Presidente del Cda Marco Giordani.

Franco Ricci (foto Olycom)

Franco Ricci (foto Olycom)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Italia-Galles, gli Azzurri su Twitter. Ecco le conversazioni TOP e gli hashtag più utilizzati per #UEFAURO2020

Italia-Galles, gli Azzurri su Twitter. Ecco le conversazioni TOP e gli hashtag più utilizzati per #UEFAURO2020

Gentiloni: L’accordo al G20 sull’imposta alle multinazionali non è in conflitto con la digital tax per i grandi gruppi tech

Gentiloni: L’accordo al G20 sull’imposta alle multinazionali non è in conflitto con la digital tax per i grandi gruppi tech

Post Brexit, l’Ue prepara un piano per ridurre serie e film britannici su Amazon e Netflix, “per una maggiore diversità di contenuti

Post Brexit, l’Ue prepara un piano per ridurre serie e film britannici su Amazon e Netflix, “per una maggiore diversità di contenuti