Un’app gratuita per la prevenzione della malattie, realizzata dalle fondazioni Telecom Italia e Umberto Veronesi

La prevenzione è essenziale per sconfiggere molte malattie e anche un’app può dare una mano per raggiungere questo obiettivo. Lo dimostra Well Up, un’applicazione gratuita per smartphone e tablet pensata appunto per diffondere la cultura della prevenzione e conoscere meglio i potenziali rischi per la salute.
È stata creata e realizzata dalla Fondazione Telecom Italia in collaborazione con Fondazione Umberto Veronesi, che ha messo a disposizione la sua competenza per fornire informazioni semplici, chiare e scientificamente provate su alcuni temi cruciali per la salute.

 

Paolo Veronesi, presidente della Fondazione Umberto Veronesi

Well Up contiene una serie di suggerimenti utili sui comportamenti e gli stili di vita che permettono di ridurre il rischio di malattie croniche. In particolare si parla di attività fisica, alimentazione, atteggiamento verso alcool e fumo, controlli e checkup preventivi, utilità dei vaccini, attenzione alla diagnosi precoce, approcci verso le malattie neurodegenerative e prevenzione per alcuni tipi di tumore.
L’app ospita inoltre una sorta di diario sanitario, una sezione con dati personali e dei propri familiari, i contatti dei medici di fiducia e un elenco di centri di cura suggeriti dalla Fondazione Veronesi.
L’applicazione si può scaricare dall’App Store di Apple e da Google Play.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Alessandro Gilioli in pole position per la direzione di Radio Popolare

Alessandro Gilioli in pole position per la direzione di Radio Popolare

Anso, Fisc e Fnsi firmano accordo nazionale per testate locali online e periodici cattolici. Giovannelli: giornata storica

Anso, Fisc e Fnsi firmano accordo nazionale per testate locali online e periodici cattolici. Giovannelli: giornata storica

Audiweb 3.0, avanti adagio verso la nuova rilevazione e la possibile fusione con Audipress

Audiweb 3.0, avanti adagio verso la nuova rilevazione e la possibile fusione con Audipress