AppsBuilder acquisisce la piattaforma per l’editoria digitale Paperlit

AppsBuilder, società italiana specializzata nella pubblicazione e distribuzione di app fondata nel 2011 da Luigi Giglio e Daniele Pelleri, annuncia l’acquisizione di Paperlit, servizio per l’editoria digitale multi-piattaforma nato nel 2009 a Menlo Park.

Pensata inizialmente come soluzione per la fruizione di contenuti editoriali su dispositivi mobili, Paperlit si è poi espansa fino a diventare una piattaforma per la pubblicazione digitale a 360 gradi. In appena quattro anni, Paperlit ha dato vita a centinaia di app per smartphone, tablet e web e offerto servizi agli editori di oltre 20 paesi e per clienti come Disney, Ferrari, Hearst Magazines, Rcs e Condé Nast.

Daniele Pelleri (foto LinkedIn)

Daniele Pelleri (foto LinkedIn)

Con l’acquisizione, AppsBuilder lancia anche il nuovo brand Ab engine (www.ab-engine.com), che unisce le competenze tecniche delle due aziende e l’esperienza nel campo dell’app publishing per formare una ‘mobile automation company’ che consente a imprese di tutti i livelli l’ingresso nel mondo mobile, senza necessità di conoscenze di programmazione. Nasce anche Ab connect, che offre specificatamente alla imprese di grandi dimensioni una soluzione Api per la realizzazione di un vasto numero di app native basate sullo stesso sistema sottostante ad AppsBuilder e Paperlit.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

20 anni di La7, Cairo e Mentana ricevuti da Mattarella al Quirinale

20 anni di La7, Cairo e Mentana ricevuti da Mattarella al Quirinale

Papa Francesco: C’è bisogno incontrarci dal vivo, dà fiducia e aiuta il lavoro. Vedersi online non è la stessa cosa

Papa Francesco: C’è bisogno incontrarci dal vivo, dà fiducia e aiuta il lavoro. Vedersi online non è la stessa cosa

Banda larga volano per la crescita, l’86% degli italiani chiede al governo di accelerare per abbattere il digital divide (che invece rimane)

Banda larga volano per la crescita, l’86% degli italiani chiede al governo di accelerare per abbattere il digital divide (che invece rimane)