Dario Franceschini, ministro dei beni culturali: per il web occorrono regole globali

(AGI)  Torino, 4 dic.- “Per il web occorrono regole globali, perche’ non e’ piu’ possibile gestire fenomeni globali con regole nazionali. Altrimenti c’e’ il rischio che il suo sviluppo sia deciso da grandi gruppi di potere”.

Lo ha affermato il ministro dei Beni culturali Dario Franceschini, nel corso della lezione dal titolo ‘Ma Amazon, in questa storia, e’ Babbo Natale o il lupo mannaro?’ alla scuola Holden di Torino. “Faccio parte dei tecno-ottimisti – ha aggiunto Franceschini – il web da’ molte opportunita’. C’e’ un’ampia prevalenza di aspetti positivi, ma tre sono le possibilita’: o il web diventa massima concentrazione di gruppi di potere, o diventa luogo di rivolta o luogo regolato da norme globali”. In merito ad Amazon, Franceschini ha affermato: “Lo vedo piu’ come un Babbo Natale che come un lupo mannaro, ma tocca a noi lavorare perche’ sia un Babbo Natale che non decide lui cosa regalare, ma sia capace di leggere le bellezze nelle letterine e portare quello che gli viene chiesto”. (AGI 4 dicembre 2014)

Dario Franceschini

Dario Franceschini

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Gad Lerner trasloca al ‘Fatto’: “scelta obbligata”; “Exor ha optato per la monarchia assoluta”

Gad Lerner trasloca al ‘Fatto’: “scelta obbligata”; “Exor ha optato per la monarchia assoluta”

Radio, a marzo investimenti pubblicitari in picchiata, -41,6%. Fcp-Assoradio: primo trimestre -8,9%

Radio, a marzo investimenti pubblicitari in picchiata, -41,6%. Fcp-Assoradio: primo trimestre -8,9%

Quotidiani, a marzo crollo degli investimenti pubblicitari, -33,7%. Fcp Assoquotidiani: primo trimestre -17,7%

Quotidiani, a marzo crollo degli investimenti pubblicitari, -33,7%. Fcp Assoquotidiani: primo trimestre -17,7%