Barnes e Noble pone fine alla partnership con Microsoft nelle attività legate a Nook

(ASKANEWS)  Barnes & Noble  pone fine alla partnership con Microsoft nelle attivita’ legate a Nook, la linea di e-reader e tablet della catena di librerie americane. B&N sta ricomprando la quota del colosso informatico in Nook (il 17,6%) per continuare la “razionalizzazione” delle sue attivita’ digitali rendendo piu’ facile la separazione di Nook Media dal business retail, prevista per la fine del prossimo agosto e non piu’ marzo.

Microsoft aveva investito in Nook nel 2012 impegnando oltre 600 milioni di dollari per rilanciare il business dell’e-reading. In cambio, B&N si impegno’ a creare app per la lettura su nuovi computer, telefoni e tablet dotati del software Windows (di Microsoft). La notizia arriva nel giorno dei conti. B&N non ha centrato le stime con gli utili del trimestre finito il primo novembre. I profitti sono arrivati a quota 12,3 milioni, o 12 centesimi per azione, in calo da 13,2 millioni, o 15 centesimi, di un anno fa. Gli analisti si aspettavano utili per azione da 31 centesimi.

I ricavi – in linea alle attese – sono scesi del 2,7% a 1,69 miliardi. Quelli del segmento Nook sono calati del 41% rispetto a un anno fa a 63,9 milioni di dollari mentre le vendite di dispositivi e accessori sono piombate del 64%. Il fatturato nella divisione retail e’ calato del 3,6% in parte per la chiusura di negozi. Il titolo cede al NYSE l’11,6%. Fino a ieri era in rialzo del 49% da inizio anno grazie alle prospettive della separazione delle sue attivita( Askanews, 4 dicembre 2014).

Satya Nadella, ceo di Microsoft (foto Recode.net)

Satya Nadella, ceo di Microsoft (foto Recode.net)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Apple mette sul piatto 6 miliardi di dollari per la produzione di contenuti video originali

Apple mette sul piatto 6 miliardi di dollari per la produzione di contenuti video originali

Twitter e Facebook contro le fake news sulle proteste a Hong Kong. Allarme interferenze cinesi

Twitter e Facebook contro le fake news sulle proteste a Hong Kong. Allarme interferenze cinesi

Nel 2019 spese ogni giorno quasi 3 ore per informarsi sul web. Zenith: in 10 anni dimezzato il tempo usato per leggere quotidiani stampati

Nel 2019 spese ogni giorno quasi 3 ore per informarsi sul web. Zenith: in 10 anni dimezzato il tempo usato per leggere quotidiani stampati