Per l’80% degli italiani Expo migliorerà l’immagine del nostro Paese: ecco percezioni e attese a 5 mesi dall’inizio (SLIDE)

Expo viene percepita da un italiano su due come un motivo di orgoglio e addirittura l’80% degli italiani ritiene che possa rappresentare un’importante opportunità non solo per la città di Milano ma per l’Italia tutta, utile per rilanciare il Made in Italy nel mondo e per migliorare l’immagine internazionale del nostro Paese. Lo dice GroupM Research&Insight che ad aprile 2014 ha dato il via, con Ipsos, alla ricerca ‘Italiani ed Expo’, volta a monitorare la percezione di consumatori e aziende dell’evento, a coglierne l’evoluzione per individuare valori, temi e territori che lo identificano e fornire ‘istruzioni per l’uso’ in merito alle iniziative e ai progetti di comunicazione da attivare prima, durante e dopo l’evento.

Scarica la sintesi dell’indagine (.doc)

Scarica le slide della ricerca (.pptx)

“A sette mesi dal lancio della ricerca – dichiarano Federica Setti (chief research officer GroupM) e Cristina Usuelli (consumer & marketing researcher GroupM) – emerge una prima fotografia del percepito e delle aspettative degli italiani rispetto all’evento, ormai diventato una vera e propria social currency, un argomento di discussione e riflessione diffuso, sia per quanto riguarda i suoi contenuti (food, sostenibilità ambientale e sociale, la salvaguardia delle risorse naturali, ecc.), sia per quanto riguarda l’impatto economico e sociale della manifestazione sul nostro Paese.”

Federica Setti

Federica Setti

Se ormai risulta evidente una conoscenza diffusa del tema di Expo (‘Nutrire il pianeta, energia per la vita’), è interessante rilevare quanto questo coinvolga gli italiani e come emerga consapevolezza e attenzione rispetto agli argomenti che Expo collega al tema principale del Food, ovvero la sostenibilità ambientale e le risorse energetiche.

Accanto all’importanza strategica dell’evento per il nostro Paese, si fa sempre più strada la convinzione che Expo sarà un’occasione per entrare in contatto e relazionarsi con culture straniere. Nel corso delle rilevazioni effettuate, infatti, è progressivamente aumentato il valore attribuito alla dimensione esperienziale dell’appuntamento, anche nell’era di internet.

Expo, infine, viene visto come una buona occasione per estendere la propria visita alla città di Milano e dintorni. In generale c’è un’aspettativa piuttosto alta rispetto a ciò che la presenza della manifestazione può generare a cascata sul resto della città. L’attesa è per iniziative speciali: degustazioni enogastronomiche, mostre, spettacoli, e concerti. Senza dimenticare le mete più classiche del turismo meneghino: visita al Duomo, al Castello Sforzesco e ai Navigli, soprattutto durante i mesi estivi.

Scarica la sintesi dell’indagine (.doc)

Scarica le slide della ricerca (.pptx)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Serie A, Gaetano Miccichè si dimette da presidente. “Inaccettabili indiscrezioni su mia nomina”

Serie A, Gaetano Miccichè si dimette da presidente. “Inaccettabili indiscrezioni su mia nomina”

Tv: dal 18 dicembre bonus 50 euro per l’acquisto di tv e decoder

Tv: dal 18 dicembre bonus 50 euro per l’acquisto di tv e decoder

Rai, Laganà: con le nuove strutture editoriali, da Salini mi aspetto nomine che rispettino trasparenza e merito

Rai, Laganà: con le nuove strutture editoriali, da Salini mi aspetto nomine che rispettino trasparenza e merito