Il direttore del settimanale tedesco Der Spiegel lascia l’incarico dopo mesi di scontri

(ANSA) Il direttore del settimanale tedesco ‘der Spiegel’, Wolfgang Buechner, lascerà il suo incarico dal 31 dicembre. Lo ha comunicato il gruppo editoriale della testata, oggi ad Amburgo, senza fornire per ora indicazioni sul successore. Con lui lascia anche il direttore amministrativo Ove Saffe, che aveva scelto Buechner per la direzione. Con lui sembra fallito il progetto di avvicinamento delle due testate, quella del settimanale cartaceo e quella on line, indicato con il nome ‘Spiegel 3.0’. Per ora il magazine sarà guidato dai due vice, Klaus Brinkbaeumer – in pole position per la successione, stando alla stampa tedesca – e Clemens Hoegens. Buechner, 48 anni, lascia dopo mesi di scontri sulle strategie future del gruppo. Era arrivato alla guida del più rinomato settimanale tedesco nel settembre 2013, per favorire una maggiore collaborazione fra il settimanale cartaceo e la testata on line. Il suo piano editoriale ha incontrato però la resistenza di parte della redazione dell’edizione di stampa. (ANSA, 4 dicembre 2014)

Wolfgang Buechner (foto Sueddeutsche)

Wolfgang Buechner (foto Sueddeutsche)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Editoria, il sottosegretario Moles: nessuno deve essere lasciato indietro; spero di poter fare tutto ciò che è necessario fare

Editoria, il sottosegretario Moles: nessuno deve essere lasciato indietro; spero di poter fare tutto ciò che è necessario fare

L’editoria ha perso 600 milioni di euro. Fieg: in Recovery Plan serve progetto specifico per innovazione digitale

L’editoria ha perso 600 milioni di euro. Fieg: in Recovery Plan serve progetto specifico per innovazione digitale

Audioutdoor lancia il progetto ‘Pubblicità per la città’. Ogni euro investito sui mezzi in mobilità, metà va a beneficio diretto dei cittadini

Audioutdoor lancia il progetto ‘Pubblicità per la città’. Ogni euro investito sui mezzi in mobilità, metà va a beneficio diretto dei cittadini