Inbox, il nuovo sistema di posta di Google sta per arricchirsi di nuove funzioni. Tra queste, annullare le email inviate e l’utilizzo su più browser

(ANSA) Inbox, il nuovo sistema di gestione della posta elettronica lanciato da Google a ottobre per ora su invito, sta per arricchirsi con diverse nuove funzioni, dalla possibilità di ‘ritirare’ una mail dopo che è stata inviata, l’utilizzo su più browser, mentre ora è limitato a Chrome, e la compatibilità con diversi indirizzi di posta anche non Google. Lo hanno affermato tre sviluppatori durante un forum con gli utenti del sito Reddit, in cui hanno ammesso che l’obiettivo a lungo termine è di fondere Inbox con Gmail.

”Le due applicazioni a cui stiamo lavorando con maggiore priorità – ha affermato Jason Kourim, uno degli sviluppatori – sono la possibilità di ‘ritirare’ le email inviate e di lavorare su tutti i browser, ma molti utenti ci hanno chiesto anche l’integrazione con Google App, e ci siamo messi al lavoro anche su questo”. Al momento la possibilità di ‘ritirare’ le email inviate è disponibile su Google in via sperimentale, ma il ripensamento deve avvenire entro pochi secondi. Alla domanda se un giorno Inbox sostituirà Gmail gli esperti hanno risposto che la cosa non è prevista a breve termine. “A lungo termine speriamo di sì – hanno aggiunto – Inbox è qualcosa di nuovo, ecco perchè l’abbiamo lanciato come prodotto separato, ma speriamo che man mano che aggiungiamo nuove funzioni a Inbox tutti preferiscano usarlo al posto di Gmail. Alla fine saranno gli utenti a decidere”. (ANSA).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Usa 2020, Instagram rimuove la funzione ‘Recenti’ per contrastare le fake news

Usa 2020, Instagram rimuove la funzione ‘Recenti’ per contrastare le fake news

Tgr Liguria si trasferisce nei teatri per sottolinearne la grave situazione. Si inizia con l’Ariston di Sanremo

Tgr Liguria si trasferisce nei teatri per sottolinearne la grave situazione. Si inizia con l’Ariston di Sanremo

La nuova regola della Bbc ai dipendenti: no a opinioni personali o politiche sui social network

La nuova regola della Bbc ai dipendenti: no a opinioni personali o politiche sui social network