Luca Zaia: “E’ ora di chiudere il Festival di Roma perchè è inconsistente”

(ITALPRESS)  “Il Festival del Cinema di Roma e’ inconsistente e va chiuso”. Lo ribadisce il presidente della Regione del Veneto Luca Zaia che ha annunciato di voler scrivere in questo senso al Presidente del Consiglio dei Ministri, Matteo Renzi, e al ministro dei Beni Culturali, Dario Franceschini, prendendo spunto da quella che ha definito “l’ennesima provocazione che non possiamo accettare”.

“Rispetto a quella di Roma – ha detto Zaia – la rassegna di Venezia nasce “nella notte dei tempi grazie a menti illuminate” ed e’ ormai riconosciuta nel grande circuito internazionale, come quelle di Cannes e di Berlino. “Solo in Italia – ha stigmatizzato il presidente veneto – si puo’ arrivare a pensare ad un festival alternativo. Ritengo sia assurdo in un paese normale, che non sia una repubblica delle banane avere due festival del cinema”.

“E’ oltretutto imbarazzante – ha aggiunto – che si vada a dar vita a un nuova linea di finanziamento per la ‘borsa’ del mercato cinematografico a Roma mentre qui a Venezia la facciamo gia’ in autofinanziamento. E’ il momento quindi di porre la questione delle economie di scala, della sostenibilita’ e quella dell’immagine internazionale che stiamo proponendo. Sarebbe meglio piuttosto dirottare quelle risorse su altri fronti d’investimento e avere il coraggio di chiudere il festival di Roma una volta per tutte”. (Italpress, 9 dicembre 2014).

Luca Zaia, presidente della Regione Veneto (foto Olycom)

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Ecco la bozza delle disposizioni di legge sulla ‘transizione digitale’ e ruolo e poteri in mano al ministero affidato a Colao

Ecco la bozza delle disposizioni di legge sulla ‘transizione digitale’ e ruolo e poteri in mano al ministero affidato a Colao

Forza Italia presidia il dipartimento Informazione. Con  il liberale Giuseppe Moles gran esperto della Difesa

Forza Italia presidia il dipartimento Informazione. Con il liberale Giuseppe Moles gran esperto della Difesa

Venti milioni di italiani ascoltano gli influencer per gli acquisti, forte anche il ruolo dei brand editoriali. Ecco perchè si segue un influencer

Venti milioni di italiani ascoltano gli influencer per gli acquisti, forte anche il ruolo dei brand editoriali. Ecco perchè si segue un influencer