Ibm si affida a una serie di ironici video online per promuovere la sua piattaforma per sviluppatori Bluemix

Comunicare una piattaforma per sviluppatori di software (i classici nerd delle serie tv americane) in modo originale e innovativo non è facile. Ci ha provato LiveXtension, agenzia di comunicazione digitale dell’incubatore Digital Magics, guidata da Gianni Fiammengo.

Un momento di ‘Devs Days 1. Envision the future’

Per promuovere in Italia ed in altri 11 Paesi europei Bluemix, la piattaforma di Ibm che mette a disposizione degli sviluppatori le soluzioni di Big Blue, LiveXtension ha ideato una serie di video intitolati ‘Dev Days’ che con tono ironico presentano “il mondo visto dai developers”. Nei filmati lo sviluppatore emerge come l’unica figura concreta, rispetto a tanti suoi colleghi che vaneggiano di strategie impossibili e fantomatiche campagne virali.
Nella scrittura e nella produzione dei video è stato coinvolto Zero, gruppo di giovani videomaker divenuti popolari sul web e su YouTube all’inizio di quest’anno, grazie a tre video che affrontavano con il registro dell’ironia il tema della remunerazione dei lavori creativi.
LiveXtension e Ibm Europe stanno già programmando l’estensione della campagna e i futuri sviluppi: nuove Devs stories con vecchi e nuovi protagonisti.

I video di Dev Days con sottotitoli in italiano:

http://youtu.be/qk6Nh78QGVM?list=PLNmI1-NdEvPqSJtDGCkGE0lqYMyT0jbSJ

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Festival di Sanremo: 5 ore di show (“ma senza trucco per fare ascolti”), i primi big e le nuove proposte, Ibrahimovic, Coccoluto…

Festival di Sanremo: 5 ore di show (“ma senza trucco per fare ascolti”), i primi big e le nuove proposte, Ibrahimovic, Coccoluto…

Editoria, il sottosegretario Moles: nessuno deve essere lasciato indietro; spero di poter fare tutto ciò che è necessario fare

Editoria, il sottosegretario Moles: nessuno deve essere lasciato indietro; spero di poter fare tutto ciò che è necessario fare

L’editoria ha perso 600 milioni di euro. Fieg: in Recovery Plan serve progetto specifico per innovazione digitale

L’editoria ha perso 600 milioni di euro. Fieg: in Recovery Plan serve progetto specifico per innovazione digitale