Google trasferisce fuori dalla Russia tutti i suoi ingegneri

(ASKANEWS) Il colosso statunitense Google ha annunciato oggi di avere avviato il trasferimento dalla Russia di tutti i suoi ingegneri, rifiutandosi di dare spiegazioni per questa decisione che avviene in un momento di rafforzamento dei controlli su internet da parte delle autorita’ di Mosca.

In un comunicato inviato all’Afp, il gruppo californiano, confermando la decisione del trasferimento dei suoi tecnici, ha garantito il mantenimento in Russia di “una squadra che avra’ il compito di sostenere” gli utenti ed i clienti locali. Google non ha voluto spiegare i motivi del trasloco, ma i media russi osservano che la mossa avviene dopo l’adozione di provvedimenti legislativi atti a rafforzare il controllo su internet. Lo scorso luglio, il presidente Vladimir Putin ha firmato una legge che costringe le aziende del web, russe e straniere, a memorizzare i dati dei loro utenti in Russia nei prossimi due anni. Una fonte vicina alla materia, tuttavia, ha detto che la decisione di Google non era specifica solo per la Russia, e che negli ultimi anni, squadre di ingegneri sarebbero stati trasferiti fuori da Svezia, Finlandia e Norvegia. Secondo questa fonte, Google, prevede addirittura di aumentare gli investimenti in Russia nel 2015. (Askanews, 12 dicembre 2014).

Larry Page, ceo Google

Larry Page, ceo Google

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Editoria, Fieg: subito misure per la pubblicità incrementale su stampa. Governo e parlamento trovino l’iter per approvare la norma

Editoria, Fieg: subito misure per la pubblicità incrementale su stampa. Governo e parlamento trovino l’iter per approvare la norma

Inpgi, ok commissioni a emendamento: stop commissariamento. Un anno per riforma, poi intervento Governo su platea

Inpgi, ok commissioni a emendamento: stop commissariamento. Un anno per riforma, poi intervento Governo su platea

Axel Springer guarda al B2b e prepara la fusione tra eMarketer e Insider

Axel Springer guarda al B2b e prepara la fusione tra eMarketer e Insider