Facebook pensa al bottone ‘Non mi piace’

(ANSA) Facebook pensa ad un bottone ‘dislike’, non mi piace, all’opposto del celebre ‘like’ raffigurato dal pollice rivolto verso l’alto. L’indiscrezione spunta periodicamente su diversi siti specializzati, questa volta lo ha detto Mark Zuckerberg in persona. “Ci stiamo pensando. Il ‘like’ è un’opzione utile per simpatizzare con qualcosa, ma ci sono situazioni in cui semplicemente vorresti dire che una cosa non e’ appropriata”, spiega durante un evento nella sede dell’azienda a Menlo Park. “Dobbiamo solo trovare il modo giusto per inserire questa opzione, perchè a volte i sentimenti negativi possono essere usati con finalità sbagliate”, ha aggiunto Zuckerberg durante un ‘botta e risposta’ alle domande degli utenti. L’opzione del bottone ‘dislike’ andrebbe ad aggiungersi alle altre tre già presenti sul social network, cioè il ‘mi piace’, ‘commenta’ e ‘condividi’. Durante il ‘botta e risposta’ dal quartier generale di Facebook, Mark Zuckerberg ha anche risposto alle domande degli utenti sullo studio ‘emozionale’ in cui furono manipolate le bacheche di un certo numero di iscritti, studio che suscitò polemiche sul fronte privacy. Secondo il fondatore di Facebook il problema non è stato lo studio in se’ (“sperimentare è parte della nostra attività”) ma come la compagnia lo ha condotto. (ANSA, 12 dicembre 2014)

Mark Zuckerberg (foto Olycom)

Mark Zuckerberg (foto Olycom)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Usa 2020, Trump contro media e big tech: sono corrotti. Non abbiamo libertà di stampa, ma solo fake news

Usa 2020, Trump contro media e big tech: sono corrotti. Non abbiamo libertà di stampa, ma solo fake news

Conte: conosciamo il valore sociale non solo economico di cinema e spettacolo; consapevoli degli immani sacrifici chiesti

Conte: conosciamo il valore sociale non solo economico di cinema e spettacolo; consapevoli degli immani sacrifici chiesti

Fondo Dni-Google per il giornalismo ha distribuito finora in Italia 11,5 milioni di euro in 45 progetti

Fondo Dni-Google per il giornalismo ha distribuito finora in Italia 11,5 milioni di euro in 45 progetti