La stampa italiana ghiotta dei tweet di Renzi

(ANSA) La stampa italiana sembra apprezzare particolarmente l’uso di Twitter da parte del presidente del Consiglio Matteo Renzi. I messaggi-spot, le battute ad effetto, la sua comunicazione ‘emozionale’ e la forza evocativa delle metafore utilizzate collimano bene con i tratti del microblogging diventato il simbolo della modernizzazione dei linguaggi. E’ quanto emerge dallo studio condotto da Rossella Rega e Donatello Lorusso, che apparirà sul numero in uscita della rivista “Problemi dell’informazione”, edita dal Mulino e diretta da Carlo Sorrentino. Quotidiani e Tg utilizzano sempre più frequentemente Twitter come fonte per reperire informazioni politiche. Nel fascicolo si analizza come il web sociale stia ridefinendo un sistema ibrido dell’informazione, in cui emergono nuovi produttori di notizie, non necessariamente professionisti, e si moltiplicano a dismisura i modi con cui le informazioni sono distribuite. Un’altra ricerca condotta all’interno dell’Osservatorio di Pavia analizza l’uso che i direttori di cinque tra i principali quotidiani italiani – Ferruccio De Bortoli (Corriere della sera), Ezio Mauro (La Repubblica), Luigi Calabresi (La Stampa), Maurizio Belpietro (Libero) e Antonio Padellaro (il Fatto Quotidiano) – fanno dei rispettivi account Twitter. (ANSA, 13 dicembre 2014)

Matteo Renzi (foto Olycom)

Matteo Renzi (foto Olycom)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Rai, i consiglieri Borioni e Laganà chiedono un’accelerazione al ricambio del Cda: l’elezione del componente dei dipendenti sia puntuale

Rai, i consiglieri Borioni e Laganà chiedono un’accelerazione al ricambio del Cda: l’elezione del componente dei dipendenti sia puntuale

Primo Dpcm Draghi: spiragli per la cultura. Tutte le misure in vigore fino al 6 aprile (comprese Pasqua e Pasquetta) – QUI IL DPCM

Primo Dpcm Draghi: spiragli per la cultura. Tutte le misure in vigore fino al 6 aprile (comprese Pasqua e Pasquetta) – QUI IL DPCM

CHI FA CHE COSA per reagire alla crisi sociale da Covid-19

CHI FA CHE COSA per reagire alla crisi sociale da Covid-19