Facebook divorzia da Bing, il motore di ricerca di Microsoft

(ANSA) Facebook divorzia da Bing, il motore di ricerca di Microsoft. Dopo una partnership durata quattro anni, ora le ricerche fatte sul social network mostreranno solo risultati interni alla piattaforma, e non più anche i link a siti esterni che erano forniti da Bing. La mossa segue l’annuncio fatto da Facebook la settimana scorsa in merito all’aggiornamento delle ricerche e a Graph Search, il suo rinnovato motore di ricerca interno per cercare tra posto e commenti di amici. Le due compagnie hanno comunque annunciato che continueranno a collaborare su altri fronti. ”Non stiamo più mostrando risultati delle ricerche sul web perché siamo concentrati ad aiutare le persone a trovare cosa è stato condiviso con loro su Facebook”, ha dichiarato un portavoce del social media ad alcuni siti Usa. Una dichiarazione simile è venuta da un portavoce di Microsoft: ”Facebook ha recentemente cambiato le sue ricerche per aiutare gli utenti a trovare le notizie condivise con loro sulla piattaforma, piuttosto che mostrare un ventaglio più ampio di risultati web”. Sia Microsoft che Facebook hanno reso noto che le due compagnie non interromperanno la loro collaborazione su altre aree strategiche. (ANSA, 15 dicembre 2014)

Mark Zuckerberg (foto Olycom)

Mark Zuckerberg (foto Olycom)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Editoria, il sottosegretario Moles: nessuno deve essere lasciato indietro; spero di poter fare tutto ciò che è necessario fare

Editoria, il sottosegretario Moles: nessuno deve essere lasciato indietro; spero di poter fare tutto ciò che è necessario fare

L’editoria ha perso 600 milioni di euro. Fieg: in Recovery Plan serve progetto specifico per innovazione digitale

L’editoria ha perso 600 milioni di euro. Fieg: in Recovery Plan serve progetto specifico per innovazione digitale

Audioutdoor lancia il progetto ‘Pubblicità per la città’. Ogni euro investito sui mezzi in mobilità, metà va a beneficio diretto dei cittadini

Audioutdoor lancia il progetto ‘Pubblicità per la città’. Ogni euro investito sui mezzi in mobilità, metà va a beneficio diretto dei cittadini