Web, carta, tv, radio, mobile: il mondo dei media e delle news in 400 pagine (REPORT OFCOM)

Ofcom, l’Agcom anglosassone, ha pubblicato il suo studio annuale ‘International Communications Market Report’ sull’universo mediatico e l’informazione in 17 nazioni, Italia compresa. Pier Luca Santoro, su Datamediahub.it, ha selezionato 21 grafici tra le 400 pagine del report individuandone i punti salienti.

Da questi emerge, tra le altre cose, che l’Italia è capofila per la lettura di quotidiani nazionali (almeno una volta alla settimana). Un aspetto che – sottolinea Santoro – conferma l’enorme divario tra vendite di copie e readership. Risulta intoltre che, dopo gli Stati Uniti, siamo la nazione che dedica maggior tempo procapite alla visione della tv. Insieme alla Spagna siamo però anche la nazione con il livello più basso di investimenti pubblicitari sulla Rete.

Per quanto riguarda l’utilizzo di dispositivi mobili, l’Italia è sostanzialmente allineata alle altre nazioni, sorpassandole per quanto riguarda il possesso di tablet e digital radio. Tra gli altri temi toccati dal report ci sono l’e-commerce, le top 10 web properties per paese, la fruizione di video, le principali fonti di informazione nazionale e locale e la frammentazione dell’audience televisiva.

– Clicca qui per scaricare il report integrale dell’Ofcom (.pdf)
– Clicca qui per leggere l’analisi di Santoro su Datamediahub.it

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

A fine 2019 Rai perde ascolti ma resta prima tra le emittenti tv. Agcom: vendite quotidiani sempre in calo (-8%)

A fine 2019 Rai perde ascolti ma resta prima tra le emittenti tv. Agcom: vendite quotidiani sempre in calo (-8%)

Vendite dei quotidiani diminuite di un terzo in 5 anni, male anche le copie digitali. Osservatorio Agcom: a giugno bene ascolti Rai e Discovery

Vendite dei quotidiani diminuite di un terzo in 5 anni, male anche le copie digitali. Osservatorio Agcom: a giugno bene ascolti Rai e Discovery

Agcom, focus su tlc: la ‘pressione competitiva’ pesa sui ricavi. Nel 2018 persi 1.700 occupati

Agcom, focus su tlc: la ‘pressione competitiva’ pesa sui ricavi. Nel 2018 persi 1.700 occupati