Paolo Panerai, ad di Class Editor: fino a quando non verrà sviluppata la banda larga lo sviluppo digitale in Italia rimarrà indietro

(MF-DJ) Lo sviluppo del commercio digitale in Italia “rimarrà indietro rispetto a quanto accade nel resto del mondo fino a quando non verrà sviluppata la banda larga”. Lo ha affermato l’a.d. di Class E. (che assieme a DowJones & co. controlla quest’agenzia), Paolo Panerai, all’avvio dei lavori del convegno ‘Dall’e-commerce all’e-business’, in corso a Milano.

Panerai ha ricordato come lo sviluppo dell’infrastruttura di rete sia nelle mani di Telecom I., che “sta ora vivendo un momento di stabilizzazione finanziaria e che grazie alla notizia di questa mattina”, vale a dire che Oi avrebbe accettato di discutere un’operazione di integrazione sul mercato brasiliano con Tim Brasil, lasciando a quest’ultima il 51% della possibile jv, “può consentirle di ricavarne maggior respiro” finanziario “per investire nella banda larga italiana”. (MF-DJ 16 dicembre 2014)

Paolo Panerai

Paolo Panerai

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Mediaset: nuovo ricorso di Vivendi al Tar contro Agcom

Mediaset: nuovo ricorso di Vivendi al Tar contro Agcom

Rai, l’8 luglio audizione in Vigilanza per l’ad Salini. Sul tavolo la policy sugli agenti delle star e la sua attuazione

Rai, l’8 luglio audizione in Vigilanza per l’ad Salini. Sul tavolo la policy sugli agenti delle star e la sua attuazione

Istat, durante il lockdown riscoperti radio, tv, libri e quotidiani. Offline oltre 6 milioni di famiglie, in particolare al Sud

Istat, durante il lockdown riscoperti radio, tv, libri e quotidiani. Offline oltre 6 milioni di famiglie, in particolare al Sud