Secondo WikiLeaks la sorveglianza di Assange all’Ambasciata dell’Ecuador di Londra sarebbe costata ai contribuenti 13 mln di sterline

Condividi

(askanews) Più di otto milioni di pasti gratuiti, 39mila notti in ospedale o il salario annuo di 259 insegnanti: secondo il sito di WikiLeaks la sorveglianza di Julian Assange davanti all’Ambasciata dell’Ecuador di Londra è costata ai contribuenti britannici oltre dieci milioni di sterline (circa 13 milioni di euro).

Assange si trova infatti all’interno dell’Ambasciata dal giugno del 2012 e da allora è sottoposto a una soveglianza continua da parte della polizia, con un costo stimato l’anno scorso da Scotland Yard di 11mila euro al giorno, tenuto conto anche degli straordinari e delle spese di trasporto.

Assange – accusato di violenze sessuali- si è rifugiato nel’ambasciata per sfuggire all’estradizione richiesta dalla magistratura svedese alle autorità britanniche: il fondatore di Wikileaks teme infatti di essere consegnato dalla Svezia alle autorità statunitensi e di essere condannato all’ergastolo o alla pena di morte per la diffusione dei dispacci riservati pubblicati dal suo sito. (askanews, 6 febbraio 2015)

Julian Assange