Quanto spesso condividere sui social networks? Secondo Buffer molto meno di quanto si possa pensare (INFOGRAFICA)

Daniela Colombo – Quanto spesso bisogna condividere post sui diversi social network per avere una strategia di successo e ottenere la massima attenzione dei nostri contatti? Ecco la domanda alla quale cerca di rispondere questa infografica pubblicata sul sito di Bufferapp.com, la piattaforma che consente di condividere i post sincronizzando i diversi profili. Secondo le statistiche e gli studi analizzati, la condivisione su Twitter dovrebbe aggirarsi attorno ai 3 cinguettii al giorno; su Facebook invece non si dovrebbe condividere più di due post al giorno. Ancora più limitata dovrebbe essere la condivisione dsu LinkedIn, con un totale di 20 post al mese, 1 al giorno – weekend esclusi – in modo da poter raggiungere il 60% dei contatti nella nostra rete. Su Google+ una condivisione di almeno 3 post al giorno al massimo. Sul social network di ‘Big G’ la connessione tra la frequenza di condivisione di post e l’engagement dei +1s è ancora più evidente, con un crollo del traffico del 50% all’abbassarsi della frequenza di condivisione.
Su Pinterest la condivisione dovrebbe essere di almeno 5 pins al giorno. Secondo la ricerca i top brand su pinterest hanno registrato una crescita, a volte anche straordinaria, adottando una strategia di multi-posting giornaliero. Una media di 1,5 post volte al giorno è il suggerimento per l’uso di Instagram, mentre per i blogger il consiglio è quello di scrivere almeno 2 volte alla settimana. Passando da 3-5 post al mese, a 6-8 al mese raddoppia il numero dei lettori.

 

Infografica da Blog.bufferapp.com

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Maradona, Equipe titola ‘Dio è morto’

Maradona, Equipe titola ‘Dio è morto’

In uscita il nuovo numero di ‘Donne Chiesa Mondo’, il mensile de ‘L’Osservatore Romano’

In uscita il nuovo numero di ‘Donne Chiesa Mondo’, il mensile de ‘L’Osservatore Romano’

CHI FA CHE COSA per reagire alla crisi sociale da Covid-19

CHI FA CHE COSA per reagire alla crisi sociale da Covid-19