Sono morti i giornali o è l’idea di giornale a essere morta? Ecco l’analisi nell’INFOGRAFICA di DataMediaHub

Daniela Colombo – I giornali sono morti. Ma la questione non è se siano morti quelli di carta e quali possibilità ci siano per quelli online, quanto piuttosto se sia l’idea di giornale ad essere defunta e con essa i modelli di business che l’hanno caratterizzato negli ultimi 100 anni. E’ questa la conclusione cui giunge DataMediaHub, partendo dall’analisi di due ricerche made in Usa, ‘The Infinite Dial 2015’ e ‘How Millennials Get News: Inside the habits of America’s first digital generation’, che hanno studiato il rapporto degli americani con i diversi media. La prima ricerca, condotta da Edison Research e Triton Digital tra gennaio e febbraio di quest’anno, partendo dalla domanda ‘Tra Internet, giornali, radio e televisione, qual è quello essenziale per la tua vita?’, ha svelato come solo il 4% degli intervistati ritenga siano i giornali. Percentuale che cala al 3% in caso della ricerca di informazioni su eventi di particolare rilevanza.

Infografica tratta da DataMediaHub

La seconda invece, condotta da the American Press Institute e the Associated Press-NORC Center for Public Affairs Research, ha analizzato nello specifico il comportamento di consumo dei contenuti sul web da parte della generazione dei millennials. Due le principali riflessioni: in primis quale sia l’idea di notizia e informazione secondo gli intervistati, con le notizie di cronaca al settimo posto tra quelle seguite con regolarità, la politica nazionale in nona posizione e l’informazione economico-finanziaria terzultima. In secundis, dato che si integra con i dati di Edison, le fonti utilizzate per approfondire una notizia, con i giornali, di carta o meno, che ottengo una preferenza risicatissima nell’ordine del 3%.

Infografica tratta da DataMediaHub

È evidente che una parte degli approfondimenti ricercati attraverso i motori di ricerca e i social approdi nuovamente alle testate online, ma è l’idea di fonte d’informazione ad essere completamente mutata. Con i motori di ricerca si cerca l’argomento prima che la fonte, e ovviamente non è difficile immaginare che la disponibilità a pagare sia tendenzialmente nulla.

I millennials pagano per l’intrattenimento ma non per le news

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il Salone del Mobile di Milano si farà a settembre. Fondazione Fiera: segnale di ottimismo, settore vuole ripartire completamente

Il Salone del Mobile di Milano si farà a settembre. Fondazione Fiera: segnale di ottimismo, settore vuole ripartire completamente

TikTok collaborerà con la Commissione Europea per una migliore tutela dei minori online

TikTok collaborerà con la Commissione Europea per una migliore tutela dei minori online

Editoria: Franceschini: continuare a investire per avvicinare alla lettura; alla fine della pandemia avremo una stagione diversa e anche migliore

Editoria: Franceschini: continuare a investire per avvicinare alla lettura; alla fine della pandemia avremo una stagione diversa e anche migliore