‘Pezzone sulla Rubentus’. Leggo esce con i titoli provvisori e la rete impazzisce. Dalla free press si scusano: errore tecnico incredibile

Daniela Colombo – Un articolo sul calciomercato d’estate. Due squadre, Inter e Juve, che si contendono due giocatori che hanno fatto sognare Firenze: Cuadrado e Salah. Fino a qui tutto normale. Quello che però stamattina ha fatto sgranare gli occhi ai lettori milanesi di Leggo è stato il titolo: ‘Pezzone sulla Rubentus’.

La pagina incriminata di Leggo

A pagina 17 del giornale infatti i pezzi erano accompagnati da titoli provvisori, tra cui quello poco lusinghiero sulla squadra bianconera. Il web è impazzito dopo le segnalazioni via social, tra le primissime quelle di Selvaggia Lucarelli, per la svista che sul sito della free press hanno definito frutto di un “errore tecnico incredibile”.
“In stampa va una versione incompleta con titolo e pezzi provvisori. Un epic fail incredibile, va detto, e un errore del quale ci scusiamo con i lettori, con la Juventus e i suoi tifosi” scrivono da Leggo, precisando poi che la bozza è stata stampata solo su un numero limitato di copie e segnalando l’indirizzo al quale visualizzare l’articolo corretto.

Le scuse sul profilo Twitter del giornale:

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Lega Serie A, la spartizione politica che quasi faceva saltare l’operazione fondi. Le manovre di Lotito e l’attesa per Dal Pino. E via Rosellini..

Lega Serie A, la spartizione politica che quasi faceva saltare l’operazione fondi. Le manovre di Lotito e l’attesa per Dal Pino. E via Rosellini..

Sostenibilità. Accordo tra Ministero dell’Ambiente e Sky Italia. Costa: partner importante per sfide cruciali. Ibarra: anno decisivo

Sostenibilità. Accordo tra Ministero dell’Ambiente e Sky Italia. Costa: partner importante per sfide cruciali. Ibarra: anno decisivo

Il 70% degli americani si informa sui social media. Facebook, YouTube e Twitter i più usati, poi Reddit, Snapchat, Linkedin, WhatsApp, Tumblr e Twitch

Il 70% degli americani si informa sui social media. Facebook, YouTube e Twitter i più usati, poi Reddit, Snapchat, Linkedin, WhatsApp, Tumblr e Twitch