Primi ostacoli alla riorganizzazione di Google: il marchio ‘Alphabet’ è di Bmw

Mentre sul web Microsoft con i suoi abc.fail e abc.wtf comincia ad acquistare e registrare domani simili al nuovo abc.xyz targato Google, potrebbero arrivare dalla Germania i primi ostacoli alla riorganizzazione societaria di Big G.

Larry Page

Larry Page, ceo di Google

Come riporta oggi ‘Il Sole 24 ore’, la decisione di trasformare il gigante di Mountain View nella holding Alphabet, ha messo in allarme Bmw. La casa automobilistica infatti avrebbe già attivato i propri legali “per verificare il diritto di esclusiva sul marchio ‘Alphabet’ che è la ragione sociale di una sua filiale (Alphabet Fuhrparkmanagement) attiva nel leasing e nel carsharing. Una procedura di routine, hanno spiegato dalla casa automobilistica, ribadendo di non essere stati avvisati in precedenza da Google e “confermando le indiscrezioni del settimanale Wirtschaftwoche, secondo cui lunedì sera, subito dopo l’annuncio del riassetto del cambio di nome da parte di Google, il server della Alphabet tedesca è rimasto bloccato per ore”, a causa dei troppi contatti.

La valutazione giuridica, sottolinea il quotidiano, “si preannuncia vivace” dato che Google e Bmw “sono in concorrenza nelle auto elettriche, allo studio di Google,e nella mappatura elettronica, dove Bmw, con Daimler e Audi, ha rilevato Here, il servizio Nokia di cartografia.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Cairo: Per La7 20 anni di successi. La rete fa servizio pubblico, meritiamo anche noi una piccola quota di canone 

Cairo: Per La7 20 anni di successi. La rete fa servizio pubblico, meritiamo anche noi una piccola quota di canone 

Tgcom24 è il sito di news più letto nell’anno della pandemia, Ansa ancora prima per affidabilità (con la fiducia dell’82% degli italiani)

Tgcom24 è il sito di news più letto nell’anno della pandemia, Ansa ancora prima per affidabilità (con la fiducia dell’82% degli italiani)

In Hearst Italia grande adesione al piano di incentivi per dimezzare i dipendenti

In Hearst Italia grande adesione al piano di incentivi per dimezzare i dipendenti