Giornalista de La7 aggredita in diretta in un luna park a Tarquinia. La cronista sporge denuncia “perchè i metodi mafiosi non si tollerano mai” (VIDEO)

Prima le minacce, poi il microfono strappato di mano. Momenti di tensione in un luna park a Tarquinia durante il collegamento della trasmissione “In Onda” ai danni della giornalista Sara Giudice. La cronista stava raccontando il chiosco di un giostraio dove si invitava la clientela a “sparare ai politici” al posto che alle consuete lattine per vincere dei premi. I conduttori Tommaso Labate e David Parenzo hanno chiesto l’intervento delle forze dell’ordine poco prima che il segnale fosse interrotto bruscamente. Qualche ora dopo Sara Giudice ha postato la foto della denuncia presentata in questura: ”Perché i metodi mafiosi non si tollerano mai, a testa alta più forti di prima”, scrive la giornalista. (testo repubblica.it)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Ecco la bozza delle disposizioni di legge sulla ‘transizione digitale’ e ruolo e poteri in mano al ministero affidato a Colao

Ecco la bozza delle disposizioni di legge sulla ‘transizione digitale’ e ruolo e poteri in mano al ministero affidato a Colao

Forza Italia presidia il dipartimento Informazione. Con  il liberale Giuseppe Moles gran esperto della Difesa

Forza Italia presidia il dipartimento Informazione. Con il liberale Giuseppe Moles gran esperto della Difesa

Venti milioni di italiani ascoltano gli influencer per gli acquisti, forte anche il ruolo dei brand editoriali. Ecco perchè si segue un influencer

Venti milioni di italiani ascoltano gli influencer per gli acquisti, forte anche il ruolo dei brand editoriali. Ecco perchè si segue un influencer