Quanto fatturano i grandi gruppi editoriali internazionali? L’analisi di Datamediahub dopo l’operazione che ha portato in Exor il 27,8% dell’Economist (INFOGRAFICA)

(Datamediahub)  (…) come hanno ripor­tato tutti i gior­nali ita­liani,  la tran­sa­zione dal gruppo Pear­son a Exor del 27,8% delle quote dell’Economist Group per 405 milioni di euro (qui comu­ni­cato uffi­ciale). Il resto della pro­pria quota (il 50%) Pear­son lo ha ceduto ad azio­ni­sti già pre­senti (come Exor) nell’attuale board dell’Economist. Un paio di set­ti­mane fa invece le prime pagine dei gior­nali se l’era gua­da­gnata la ces­sione, sem­pre da parte del gruppo Pear­son, del Finan­cial Times ai giap­po­nesi di Nik­kei per 844 milioni di euro.

Bene, ma quando par­liamo (o leg­giamo) di que­ste ope­ra­zioni che coin­vol­gono grandi gruppi edi­to­riali inter­na­zio­nali ci siamo fatti un’idea più o meno pre­cisa della loro reale dimen­sione? Ad esem­pio: quanto fat­tu­rano? Oppure se sono mag­giori i ricavi di Mur­doch rispetto a quelli di Sprin­ger o di Pear­son? O ancora i nostri mag­giori gruppi edi­to­riali come Espresso e Rcs quanto sono grandi in con­fronto ai gruppi edi­to­riali appena citati o rispetto a Guar­dian e New York Times?
Ecco noi abbiamo fatto que­sta sem­plice chart e delle brevi schede, giu­sto per dare un’idea. Visto il caldo ago­stano ci fer­miamo qui ma in futuro abbiamo inten­zione di pub­bli­care qual­che appro­fon­di­mento su que­sto argo­mento e in par­ti­co­lare di pro­porvi dei con­fronti tra edi­tori ita­liani e inter­na­zio­nali (e se su que­sto avete dei sug­ge­ri­menti o dei temi che vor­re­ste appro­fon­dire potete usare la sezione com­menti o i nostri pro­fili social per pro­por­celi). Ecco dun­que gra­fico e schede:

 

News Corp: è il gruppo Mur­doch come viene comu­ne­mente chia­mato, pro­prie­ta­rio di quo­ti­diani come il Times (di Lon­dra), the Sun, New York Post e il Wall Street Jour­nal. Nell’ultimo bilan­cio annuale (anno fiscale chiuso nel giu­gno 2014 a giorni dovrebbe uscire il bilan­cio 2015) le reve­nue sono pari a 8.574 milioni di dol­lari (erano 8.891 l’anno pre­ce­dente) di cui 6.153 milioni rela­tivi al solo set­tore News and infor­ma­tion ser­vice (ovvero il 71% dei ricavi totali, nel 2013 era il 76%). Le spese ope­ra­tive sono pari a 5.139 milioni e l’Ebitda è di 770 milioni. Il gruppo nel 2014 ha rea­liz­zato un risul­tato netto di 294 milioni di dollari.

Axel Sprin­ger: il gruppo tede­sco (che pub­blica tra gli altri Die Welt e Bild) ha rea­liz­zato reve­nue per 3.037 milioni di euro nel 2014 (bilan­cio chiuso a dicem­bre) in aumento rispetto sia al 2013 (2.801 milioni) che al 2012 (2.737 milioni). L’Ebitda nell’ultimo bilan­cio annuale è di 507 milioni anche que­sto valore in aumento dell’11,6% rispettto all’anno pre­ce­dente. Il risul­tato netto nel 2014 è stato posi­tivo di 251 milioni di euro.
Pear­son Plc: il gruppo edi­to­riale bri­tan­nico che ha, come detto, recen­te­mente ceduto il Finan­cial Times e la pro­pria quota dell’Economist, ha fat­tu­rato 4.874 milioni di ster­line nel 2014 (di cui 2,97 milioni rea­liz­zati in Ame­rica del Nord) il 2% in più rispetto al 2013 l’indebitamento netto è di 1.639 milioni. Il mar­gine ope­ra­tivo (Adju­sted ope­ra­ting pro­fit) è stato di 720 milioni ster­line in aumento di 10 milioni rispetto all’anno precedente.
The New York Times Com­pany: l’editore del NYT nel bilan­cio chiuso il 28 dicem­bre 2014 ha rea­liz­zato reve­nue per 1.558 milioni di dol­lari con costi ope­ra­tivi pari a 1.484 milioni. Guar­dando ai bilanci pre­ce­denti notiamo valori costanti nei fat­tu­rati: 1.577 milioni nel 2013, 1.595 nel 2013 e ancora un po’ più indie­tro nel tempo 1.556 nel 2011. Una dif­fe­renza quindi negli ultimi cin­que annua­lità di +1,3% nel segno non certo di grandi passi avanti ma di una sostan­ziale tenuta dei ricavi in que­sti anni di grave crisi per l’editoria. I costi invece sono aumen­tati dal 2011 al 2014 del 4,3%.
The Eco­no­mist Group: il gruppo edi­to­riale che pub­blica l’Economist – che pur non essendo una public com­pany mette online i suoi bilanci – ha rea­liz­zato nel 2015 (anno finan­zia­rio chiuso il 31 marzo) reve­nue per 328 milioni di ster­line con un lie­vis­simo calo rispetto ai 332 milioni del 2014. Nel 2011 il fat­tu­rato era di 347 milioni, met­tendo in evi­denza un voce ricavi molto costante negli anni così come i pro­fitti ope­ra­tivi che nel 2015 sono stati di 60 milioni di ster­line, 59 milioni nel 2014 e 63 milioni nel 2011. i pro­fitti post oneri sono di 46 milioni anche que­sti estre­ma­mente costanti nelle ultime cin­que annualità.
Guar­dian News and Media: l’editore del Guar­dian (che pub­blica anche il perio­dico Obser­ver) ha tota­liz­zato nel 2015 (anno fiscale chiuso a marzo) un fat­tu­rato di 210,8 milioni di ster­line e costi ope­ra­tivi per 232,4 milioni. Nel 2014 erano rispet­ti­va­mente 208,5 milioni e 232 milioni. Il gruppo è in per­dita nell’ultimo anno finan­zia­rio per 26,6 milioni di ster­line, per­dita che nel 2014 era stata di 32 milioni.
Per quanto riguarda i due mag­giori gruppi ita­liani edi­tori di quo­ti­diani Rcs Media­Group e gruppo Espresso-Repubblica riman­diamo alle nostre ana­lisi fatte nei mesi scorsi.
Read more: http://www.datamediahub.it/#ixzz3imOZ6Lbi

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Le Big tech Usa investono una valanga di dollari in attività di lobbying. Ecco quanto spendono per esercitare influenza

Le Big tech Usa investono una valanga di dollari in attività di lobbying. Ecco quanto spendono per esercitare influenza