Ligabue su Rai1 per raccontare il suo ‘giro per il mondo’ in tour

Sono due gli appuntamenti con il viaggio musicale di Luciano Ligabue. Mercoledì 2 e giovedì 3 settembre, in seconda serata su Rai 1, andrà in onda ‘Ligabue giro del mondo – Da Tokyo a Campovolo’. Nello speciale il cantante racconterà a Fabio Fazio i suoi ultimi live, partendo da San Siro, passando da Tokyo, e ritornando a Campovolo, dove sta organizzando il suo prossimo concerto previsto per sabato 19 settembre a Reggio Emilia.

Come riporta Agi, durante le due puntate l’artista di Correggio parlerà anche di sé e dei suoi 25 anni di carriera, che verranno celebrati proprio il 19 settembre a Campovolo insieme ai 25 anni del suo primo album ‘Ligabue’, ai 20 anni di ‘Buon Compleanno Elvis’, ai 10 anni dal suo primo concerto al Campovolo e allo straordinario successo del ‘Mondovisione Tour’. Nel corso delle due serate speciali Ligabue racconterà anche del suo concerto del prossimo 19 settembre, il più lungo della sua carriera, durante il quale suonerà per intero l’album ‘Ligabue’ (1990) con i ClanDestino, per intero l’album ‘Buon Compleanno Elvis’ (1995) con La Banda e tutto il meglio di ‘Giro del mondo’ accompagnato dalla sua formazione attuale, Il Gruppo.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Gruppo LSWR acquisisce con Quine le riviste professionali di Fiera Milano Media, ampliando così la propria offerta editoriale

Gruppo LSWR acquisisce con Quine le riviste professionali di Fiera Milano Media, ampliando così la propria offerta editoriale

Vivendi non si ferma e si prepara alla scalata a Prisa, primo gruppo editoriale spagnolo. Rumors dicono che punti al 20%

Vivendi non si ferma e si prepara alla scalata a Prisa, primo gruppo editoriale spagnolo. Rumors dicono che punti al 20%

Facebook non raccomanderà più agli utenti le pagine di politici o partiti. Zuckerberg: L’obiettivo è scoraggiare conversazioni divisive

Facebook non raccomanderà più agli utenti le pagine di politici o partiti. Zuckerberg: L’obiettivo è scoraggiare conversazioni divisive