Boing fa il botto: più del 10% di share sul target kids e l’1,5% nel totale

Boing registra la sua migliore performance con un record di ascolti. Continua il successo del canale 40 del digitale terrestre, nato dalla joint venture Turner Broadcasting System e Rti Mediaset. Come riferisce un comunicato stampa, lunedì 31 agosto Boing ha superato il 10% di share sul target bambini con un’audience di oltre 107 mila telespettatori. Ottima la performance anche sul target individui con l’1.5% di share nelle 24 ore. Boing conferma la sua leadership, posizionandosi dall’inizio 2015 come primo canale kids.

Nella giornata di ieri si è registrata anche la miglior performance dell’anno per Boing spa (Boing e Cartoonito) con il 15% di share sul target Kids. Sono stati ottimi, infatti, anche gli ascolti Cartoonito (canale 46 del digitale terrestre). Il Canale ha registrato il 4.9% di share sul target bambini con 52 mila telespettatori.

I protagonisti di Doraemon, uno dei programmi di punta del canale Boing

Nel dettaglio Boing ha raggiunto la miglior performance, con picchi di ascolti per i top show del canale: ‘Teen Titans Go!’ e ‘Doraemon’. Per Cartoonito, invece, gli show più seguiti sono stati ‘L’armadio di Chloè’ la mattina e ‘Sam il Pompiere’ all’ora di pranzo.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Rapporto Sviluppo Sostenibile 2021: Italia migliora poco e lentamente; per la prima volta dal 2015 tendenza negativa nel raggiungimento target

Rapporto Sviluppo Sostenibile 2021: Italia migliora poco e lentamente; per la prima volta dal 2015 tendenza negativa nel raggiungimento target

Apple lancia i Podcasts a pagamento (Apple Podcasts Subscriptions). Del Sole 24 Ore e Storie Libere i primi canale pay italiani

Apple lancia i Podcasts a pagamento (Apple Podcasts Subscriptions). Del Sole 24 Ore e Storie Libere i primi canale pay italiani

Appello Fnsi al governo: Pnrr non basta, servono interventi strutturali per l’informazione

Appello Fnsi al governo: Pnrr non basta, servono interventi strutturali per l’informazione