“La priorità è il prodotto informazione”. Il commento dell’Usigrai all’intervista del dg Campo Dall’Orto sul ‘Foglio’

“La priorità è il prodotto informazione: dunque racconto, presenza sul campo, illuminare le periferie, sperimentazione. Lo abbiamo detto da sempre. Lo confermiamo oggi, dopo la prima intervista del neo direttore generale Antonio Campo Dall’Orto”. Questo il commento dell’Usigrai dopo l’intervista del dg Rai oggi sul ‘Foglio’. Nella nota il sindacato dei giornalisti Rai, condivide l’idea che non siano le nomine ad avere la priorità, quanto piuttosto fissare la missione e gli obiettivi. “La sfida delle giornaliste e dei giornalisti Rai è radicale sul fronte dell’innovazione e delle riforme, per costruire la Rai Servizio Pubblico Crossmediale. Pilastri sono il web e il multipiattaforma, la titolarità dell’informazione di rete affidata alle testate, la presenza capillare nei territori, in Italia e nel mondo, al servizio di tutti i media”. Infine un riferimento alla questione della piena valorizzazione delle risorse interne: “Gullit e Van Basten ci sono, spiegano dall’Usigrai richiamando le similitudini calcistiche citate da Campo Dall’Orto, “e anche altri fuoriclasse, ma vanno messi in campo, non tenuti più in panchina”.

Vittorio di Trapan, Segretario Generale Usigrai (Europaquotidiano.it)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il New York Times online compie 25 anni. L’edizione digitale del quotidiano fu lanciata il 22 gennaio 1996

Il New York Times online compie 25 anni. L’edizione digitale del quotidiano fu lanciata il 22 gennaio 1996

TOP PROGRAMMI TV SUI SOCIAL 2020 e post più popolari. Che tempo che fa domina l’anno, inseguono Amici, GF e Iene

TOP PROGRAMMI TV SUI SOCIAL 2020 e post più popolari. Che tempo che fa domina l’anno, inseguono Amici, GF e Iene

UE, Von der Leyen: il potere dei big digitali va limitato democraticamente; libertà d’espressione regolata dalla legge non da manager

UE, Von der Leyen: il potere dei big digitali va limitato democraticamente; libertà d’espressione regolata dalla legge non da manager