Quasi un ragazzo su due è favorevole alla presenza di video violenti sui social: rappresenta la libertà di espressione (INFOGRAFICA)

La cruda realtà sui social network. Senza nessuna censura. Il 44% dei ragazzi intervistati in un’indagine di Skuola.net è a favore della socializzazione della violenza. E non disdegna neanche la morte in diretta. L’inchiesta – che ha coinvolto circa 1000 studenti – ha infatti preso spunto dall’omicidio della giornalista Alison Parker e del suo cameraman Adam Ward. L’assassino, prima di togliersi la vita, ha postato su Facebook il video girato durante l’attacco. Non è d’accordo invece il restante 56%.

Per il 56% di quelli favorevoli alla pubblicazione di filmati violenti, l’informazione deve essere libera. Un altro 37% è convinto che condividere queste informazioni sia necessario per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla crudeltà dell’essere umano. Urtare la sensibilità, fomentare la spettacolarizzazione della violenza e diseducare i giovani sono le motivazioni di chi vorrebbe censurare i video che ritraggono morte o scene di crudeltà.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Alessandro Gilioli in pole position per la direzione di Radio Popolare

Alessandro Gilioli in pole position per la direzione di Radio Popolare

Anso, Fisc e Fnsi firmano accordo nazionale per testate locali online e periodici cattolici. Giovannelli: giornata storica

Anso, Fisc e Fnsi firmano accordo nazionale per testate locali online e periodici cattolici. Giovannelli: giornata storica

Audiweb 3.0, avanti adagio verso la nuova rilevazione e la possibile fusione con Audipress

Audiweb 3.0, avanti adagio verso la nuova rilevazione e la possibile fusione con Audipress