Facebook il social preferito dai retailers americani per la pubblicità. Pinterest più interessante di Twitter (INFOGRAFICA)

Retailers americani sempre più attenti a pianificare i propri investimenti adv anche sui social, con Facebook che, neanche a dirlo fa la parte del leone. Questo il dato che emerge da un sondaggio, realizzato il giugno scorso, secondo il quale la metà dei retailers a stelle e strisce spenderanno sempre di più sui media a pagamento.

Nella ricerca della NRF, la National Retail Federation, ripresa da eMarketer, si evidenzia come Facebook sia il social sul quale i commercianti sono pronti a investire di più. Dietro di lui YouTube e Pinterest, verso i quali è prevista una spesa aggiuntiva pari, rispettivamente al 29% e 27%. Comprare spazi pubblicitari su Twitter è invece considerata una priorità minore, e solo il 22% degli intervistati ha in programma di aumentare gli investimenti adv sul sito di microblogging rispetto all’anno corrente.

Questo tipo di tendenza comunque si registra anche guardando alle preferenze dei consumatori. Secondo un sondaggio dello scorso febbraio di Ups, Facebook (48%) e Pinterest (49%), questa volta a parti invertite, sono i socil preferiti da chi deve fare acquisti. Fanalino di coda resta ancora Twitter dove, secondo l’indagine, solo i 38% degli intervistati è ‘follower’ dei retailers.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Pubblicità, raccolta online supera tv. Agcom: il 68% dei ricavi va all’1% dei player; publisher perdono peso rispetto a piattaforme

Pubblicità, raccolta online supera tv. Agcom: il 68% dei ricavi va all’1% dei player; publisher perdono peso rispetto a piattaforme

Pubblicità, quest’anno il calo dei ricavi sarà del 17,4%. Una: nel 2021 il rimbalzo colmerà due terzi del crollo

Pubblicità, quest’anno il calo dei ricavi sarà del 17,4%. Una: nel 2021 il rimbalzo colmerà due terzi del crollo

Il Covid ha accelerato il passaggio all’adv digitale. Zenith: ripresa nel 2021, ma sui media tradizionali investimenti non omogenei

Il Covid ha accelerato il passaggio all’adv digitale. Zenith: ripresa nel 2021, ma sui media tradizionali investimenti non omogenei