Scoperta una falla di sicurezza su Whatsapp: a rischio 200 milioni di utenti

Un virus informatico mascherato da biglietto da visita. Su La Stampa si legge che il 21 agosto i ricercatori della società CheckPoint hanno scoperto una falla di sicurezza su Whatsapp, il servizio di messaggistica gratuita che ha da poco raggiunto il traguardo di 900 milioni di utenti. Duecento milioni tra questi, ora, sono a rischio. La società, in una settimana, ha messo a disposizione un aggiornamento per risolvere il problema, ma per chi sta ancora usando quella precedente, o per chi nei giorni scorsi ha aperto una vCard, i problemi potrebbero non essere finiti. L’attacco scoperto dal ricercatore di CheckPoint, Kasif Dekel, inizia infatti in questo modo, con l’arrivo di un biglietto da visita apparentemente innocente, da un indirizzo sconosciuto.

Jan Koum, ceo di WhatsApp

Jan Koum, ceo di WhatsApp

Basta aprire il messaggio, e si attiva un file eseguibile, che inietta del codice malevolo sul cellulare della vittima. Questo perché, fino a poco tempo fa, il software di WhatsApp non controllava di che tipo fosse il contenuto del messaggio. Era possibile quindi nascondere un virus, semplicemente ‘mascherandolo’ da vCard. In questo modo l’aggressore era in grado di prendere possesso del computer altrui. Chi avesse ricevuto un messaggio via WhatsApp, poi aperto via Web, dovrà controllare di non aver subito danni.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Sanremo 2021, seconda serata: Ama e Fiore crollano in Calabria, Liguria, Campania e Lombardia. Puglia, Marche e Sicilia non bastano

Sanremo 2021, seconda serata: Ama e Fiore crollano in Calabria, Liguria, Campania e Lombardia. Puglia, Marche e Sicilia non bastano

In forte aumento le minacce ai giornalisti. L’anno scorso 163 atti intimidatori, +87%. Lamorgese: massima attenzione

In forte aumento le minacce ai giornalisti. L’anno scorso 163 atti intimidatori, +87%. Lamorgese: massima attenzione

Radio. Brutto inizio anno per la raccolta pubblicitaria, a gennaio -34,5%. Fcp Assoradio: previsioni difficili a causa di dinamiche contrapposte

Radio. Brutto inizio anno per la raccolta pubblicitaria, a gennaio -34,5%. Fcp Assoradio: previsioni difficili a causa di dinamiche contrapposte