Due mesi per Vivendi per portare al 20% la sua quota di partecipazione in Telecom Italia

Due mesi per portare al 20% la partecipazione di Vivendi in Telecom Italia. Questo il tempo che secondo il mercato servirebbe alla società francese per aumentare la propria quota dal 15,5% ora detenuto senza incidere sugli scambi. Lo scrive oggi ‘Il Sole 24 ore’ sottolineando come il mercato continui a tenere gli occhi puntati sulle mosse di Vivendi. Secondo il giornale l’ipotesi è che la compagnia transalpina possa arrivare a ridosso del 20% per fronteggiare una possibile diluizione legata alla conversione alla pari dei titoli di risparmio.  L’Operazione , continua il giornale, sarebbe stata già valutata da Vivendi, ma al momento non sarebbe stata ancora inserita in agenda.

In ogni caso, Arnaud de Puyfontaine, ceo della compagnia francese, pur dichiarandosi soddisfatto della partecipazione in Telecom Italia, ha sempre risposto con un “mai dire mai” alle domande su un’ulteriore ascesa nella compagnia di tlc italiane, lasciando la porta aperta a possibili sviluppi futuri.

Il ceo di Vivendi, Arnaud de Puyfontaine

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Nicola Lillo da Cdp a Plazzo Chigi nel team di Giugliano per la comunicazione e i rapporti con la stampa estera

Nicola Lillo da Cdp a Plazzo Chigi nel team di Giugliano per la comunicazione e i rapporti con la stampa estera

Comincia male l’anno per la pubblicità sulla stampa, gennaio -18,8%. Fcp: quotidiani -14,9%, settimanali -19%, mensili -42,8%

Comincia male l’anno per la pubblicità sulla stampa, gennaio -18,8%. Fcp: quotidiani -14,9%, settimanali -19%, mensili -42,8%

La rivoluzione per le donne che Papa Francesco sta portando avanti all’interno della Chiesa

La rivoluzione per le donne che Papa Francesco sta portando avanti all’interno della Chiesa