Kaley Cuoco, la protagonista femminile di ‘The big bang theory’ è l’attrice più pagata della tv americana

La ‘million dollar baby’ della tv americana è Kaley Cuoco, regina indiscussa della sit-com ‘The big bang theory’. Secondo l’ultima classifica di ‘Forbes’, l’attrice, la più pagata sul piccolo schermo Usa, guadagna 28.5 milioni  di dollari all’anno. La serie tv che segue la vita di scienziati nerd del California institute of technology, si conferma, oltre che sbanca-ascolti, anche sbanca-budget. I quattro colleghi della Cuoco, infatti, si sono posizionati ai primi quattro posti della stessa classifica in versione maschile. Il quartetto guadagna in totale 96 milioni di dollari.

Kaley Cuoco, protagonista di ‘The big bang theory’

L’attrice interpreta la ragazza di provincia Penny, giunta in città per fare fortuna nel mondo dello spettacolo. Comparirà sulla rivista ‘Shape’ in copertina, nel numero di ottobre della rivista per cultori dello ‘stare in forma’, con l’articolo dal titolo ‘The big shape theory’. “Mi ci è voluto del tempo per capire di cosa avesse bisogno il mio corpo – racconta Cuoco nell’intervista – ho sempre voluto essere tonica non rinunciando ai muscoli, lo trovo sexy e stimolante. Per questo adesso mi dedico al 100% allo yoga! Ho perso 6 chili in 3 mesi e ultimamente compro tre misure di paia di jeans diverse, a seconda del peso che perdo…!”.

La copertina di ottobre di ‘Shape’

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il New York Times online compie 25 anni. L’edizione digitale del quotidiano fu lanciata il 22 gennaio 1996

Il New York Times online compie 25 anni. L’edizione digitale del quotidiano fu lanciata il 22 gennaio 1996

TOP PROGRAMMI TV SUI SOCIAL 2020 e post più popolari. Che tempo che fa domina l’anno, inseguono Amici, GF e Iene

TOP PROGRAMMI TV SUI SOCIAL 2020 e post più popolari. Che tempo che fa domina l’anno, inseguono Amici, GF e Iene

UE, Von der Leyen: il potere dei big digitali va limitato democraticamente; libertà d’espressione regolata dalla legge non da manager

UE, Von der Leyen: il potere dei big digitali va limitato democraticamente; libertà d’espressione regolata dalla legge non da manager