Giulia Cogoli rassegna ufficialmente le dimissioni dalla Fondazione del libro di Torino: era meglio che lasciassi per permettere al cda di essere più operativo

Dopo la rinuncia alla direzione editoriale del Salone del libro di Torino, oggi Giulia Cogoli formalizza le proprie dimissioni al cda della Fondazione del libro. La decisione arriva in seguito ai contrasti d’opinione con la presidente Giovanna Milella. Il Corriere della Sera riporta le dichiarazioni della Cogoli: “A questo punto – dice – non aveva senso che rimanessi.

Giulia Cogoli

L’avevo anticipato venerdì a Fassino e Chiamparino. Mi sembrava doveroso per il bene del Salone, per permettere al cda di essere più operativo e andare avanti con i progetti e l’organizzazione della prossima edizione”.

Il cda potrebbe cambiare ulteriormente profilo dal momento che Marco Polillo, che siede in consiglio in quanto presidente dell’Aie, è in scadenza e i vertici dell’Associazione italiana editori verranno rinnovati domani.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Usa 2020, Trump contro media e big tech: sono corrotti. Non abbiamo libertà di stampa, ma solo fake news

Usa 2020, Trump contro media e big tech: sono corrotti. Non abbiamo libertà di stampa, ma solo fake news

Conte: conosciamo il valore sociale non solo economico di cinema e spettacolo; consapevoli degli immani sacrifici chiesti

Conte: conosciamo il valore sociale non solo economico di cinema e spettacolo; consapevoli degli immani sacrifici chiesti

Fondo Dni-Google per il giornalismo ha distribuito finora in Italia 11,5 milioni di euro in 45 progetti

Fondo Dni-Google per il giornalismo ha distribuito finora in Italia 11,5 milioni di euro in 45 progetti