Il primo articolo di Dreamwriter, il ‘giornalista robot’ del gigante cinese TenCent

Un minuto per scrivere 916 ideogrammi. Senza errori. Per il primo articolo, Dreamwriter, il ‘robot giornalista’ realizzato dal gigante cinese TenCent – padre anche della piattaforma di messaggistica istantanea WeChat – si è buttato sull’economia. Lo scrive La Stampa, riprendendo il quotidiano South China Morning Post. Il pezzo, pubblicato sul portale qq.com, è stato trovato leggibile dai lettori, che non hanno notato nessuna differenza con la mano dell’uomo.

Martin Lau, presidente di TenCent

Lo scetticismo su quanto una macchina possa sostituire l’uomo rimane fermo tra gli esperti del settore. In ambiti come lo sport, o l’economia, l’uso di robot per la stesura di articoli è già possibile, e si pensa già a possibili sviluppi in altre aree.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il 29 ottobre convegno Pwc sulle ‘azioni indispensabili per non soccombere’. Ne discutono Patuanelli, Beduschi, Cardani, Cerbone, Leone, Mauri, Josi

Il 29 ottobre convegno Pwc sulle ‘azioni indispensabili per non soccombere’. Ne discutono Patuanelli, Beduschi, Cardani, Cerbone, Leone, Mauri, Josi

Fondazione De Agostini rinnova il Cda: Chiara Boroli presidente e Marcella Drago segretario generale; Roberto Drago presidente d’onore

Fondazione De Agostini rinnova il Cda: Chiara Boroli presidente e Marcella Drago segretario generale; Roberto Drago presidente d’onore

Charlie Hebdo disegna Erdogan in una vignetta con una donna svestita e vino. La condanna turca: senza morale

Charlie Hebdo disegna Erdogan in una vignetta con una donna svestita e vino. La condanna turca: senza morale