Adolescenti sempre più connessi ai social col cellullare e più esposti alla violenza della Rete. La ricerca di Tim (INFOGRAFICA)

Daniela Colombo – Non solo sempre più connessi, ma anche dotati di diversi profili sui social e di account sulle app di messaggistica istantanea, creati spesso mentendo sulla loro età. Questa la fotografia scattata da ‘Smartphone, social network and instant messaging services: challenges for children, parents and teachers‘, lo studio commissionato da Tim, curato da Giovanna Mascheroni, ricercatrice in sociologia dei processio culturali e comunicativi all’Università Cattolica di Milano, che il 16 settembre è stata presentato a Roma in un incontro con il Family Online Safety Institute.  Secondo la ricerca, effettuata partendo da un campione di 350 ragazzi tra i 9 e i 17 anni, lo strumento più  usato per connettersi è, per l’88% degli adolescenti, lo smartphone, attraverso il quale possono accedere ai loro diversi account.

Se da un lato la facilità di accesso e la larga diffusione degli smartphone cresce il tasso di digitalizzazione del paese, dall’altro lato si corre il rischio di far aumentare l’esposizione a contenuti violenti e razzisti e al sexting, lo scambio di messaggi di natura sessuale. Tra tutti i pericoli della rete, relativamente poco diffuso è il bullismo, di cui si dichiara vittima il 9% degli intervistati, pur essendo riconosciuto come  l’esperienza più dolorosa per i ragazzi.

WhatsApp, continua il report, è considerata la piattaforma più sicura dai ragazzi, proprio perchè si interagisce attraverso il numero di cellulare. Ma spesso attraverso i gruppi creati si può entrare in contatto con sconosciuti. E sono molte le ragazze che proprio in questo modo sono diventate vittime di sexting.

– Scarica o leggi la ricerca ‘Smartphone, social network and instant messaging services: challenges for children, parents and teachers‘ (.pdf)

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Le Big tech Usa investono una valanga di dollari in attività di lobbying. Ecco quanto spendono per esercitare influenza

Le Big tech Usa investono una valanga di dollari in attività di lobbying. Ecco quanto spendono per esercitare influenza