La lenta rivoluzione di Youtube per riguadagnare audience: dai formati verticali alla produzione di serie originali

Il formato tradizione ‘largo e stretto’ è un pilastro di Youtube, ma sembra che ultimamente sia stato surclassato da nuovi modi di produrre video. Snapchat e Periscope hanno dato ufficialità al formato verticale, prodotto naturale degli schermi degli smartphone. E Youtube si è improvvisamente ritrovato indietro. È corsa ai ripari, cercando di adeguarsi all’era del mobile e a luglio 2015 anche la piattaforma di video-sharing si è dotata del nuovo formato.

Susan Wojcicki, ceo di YouTube (foto Cnn.com)

Ma secondo AdvertisingAge, Youtube ha altro in mente. Vista la concorrenza, Facebook in testa, non vuole più essere solo un ‘portale’. Gli utenti affidano ormai ai loro amici il compito di scegliere i video che loro poi guarderanno, non avendo né la voglia né il tempo di studiare le più di trecento ore di filmato caricate ogni minuto su Youtube.

Oltre al formato verticale, gli ingegneri hanno lavorato ad altre novità: i video a 360 gradi, app dedicate alla popolare categoria del gaming e aggiornamenti che mirano a semplificare la ricerca quello che si vuole vedere.

L’obiettivo è comunque cercare nuove vie per attirare pubblico e inserzionisti. E cioè, non ospitare, ma produrre video. In formati diversi, ideati da informatici e programmatori. Youtube sta pianificando il debutto di alcuni film della DreamWorks sulla sua piattaforma. Ma ha anche iniziato a produrre serie originali con le star del web: gli Youtubers. Un esempio: gli Smosh Brothers, che reciteranno in una comedy che li vede lavorare in un ristorante.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Covid, appello di Serie A e Figc al governo: sistema rischia collasso, aiuti per compensare danni. Dal Pino: calcio è industria

Covid, appello di Serie A e Figc al governo: sistema rischia collasso, aiuti per compensare danni. Dal Pino: calcio è industria

Appello di Franceschini alle tv per dare spazio a cultura: aiuto al settore anche sperimentando nuove produzioni

Appello di Franceschini alle tv per dare spazio a cultura: aiuto al settore anche sperimentando nuove produzioni

Gli editori alle Regioni: consentire vendita di libri nel weekend in supermercati e grandi strutture

Gli editori alle Regioni: consentire vendita di libri nel weekend in supermercati e grandi strutture