Amazon lancia il tablet low-cost da 60 euro. Bezos: l’obiettivo è offrire prodotti di qualità a prezzi accessibili

Amazon lancia Fire, il suo tablet low-cost, da 60 euro, che promette di essere “quasi due volte più robusto dell’ultima generazione di iPad Air e con potenza di calcolo due volte superiore a quella del Samsung Tab 3 Lite”. “Oggi facciamo un altro passo avanti verso il nostro obiettivo di offrire prodotti di qualità superiore a prezzi accessibili”, ha spiegato Jeff Bezos, numero uno dell’azienda.

Jeff Bezos, fondatore di Amazon (foto Olycom)

Come riporta l’agenzia Ansa, il tablet sarà disponibile dal 30 settembre, anche in Italia, e avrà un processore quad-core, uno schermo con tecnologia Ips da 7 pollici, fotocamere frontale e posteriore, memoria d’archiviazione espandibile fino a 128GB, funzioni e servizi esclusivi di Amazon. Avrà anche accesso all’ecosistema di contenuti dell’azienda con “oltre 38 milioni di canzoni, libri, applicazioni e giochi, con archiviazione gratuita nel cloud di tutti i contenuti Amazon”. Il sistema operativo Fire OS ‘Bellini’, continua l’agenzia, includerà anche una nuova interfaccia utente che riproduce l’aspetto di un magazine, “rendendo più semplice che mai la navigazione tra i contenuti e la loro ricerca”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Rapporto Sviluppo Sostenibile 2021: Italia migliora poco e lentamente; per la prima volta dal 2015 tendenza negativa nel raggiungimento target

Rapporto Sviluppo Sostenibile 2021: Italia migliora poco e lentamente; per la prima volta dal 2015 tendenza negativa nel raggiungimento target

Apple lancia i Podcasts a pagamento (Apple Podcasts Subscriptions). Del Sole 24 Ore e Storie Libere i primi canale pay italiani

Apple lancia i Podcasts a pagamento (Apple Podcasts Subscriptions). Del Sole 24 Ore e Storie Libere i primi canale pay italiani

Appello Fnsi al governo: Pnrr non basta, servono interventi strutturali per l’informazione

Appello Fnsi al governo: Pnrr non basta, servono interventi strutturali per l’informazione