Accusa Erdogan di aver scatenato il conflitto con il Pkk per recuperare consensi in vista del voto. Il giornalista Hasan Cemal messo sotto inchiesta per offese al presidente

Un altro giornalista turco messo sotto accusa per presunte offese al presidente Erdogan. Secondo quanto riferisce l’Ansa riprendendo i media locali, il procuratore di Istanbul ha aperto un’inchiesta su Hasan Cemal, editorialista del portale T24, per un articolo pubblicato il 12 agosto dal titolo ‘Il sultano nel Palazzo è il responsabile numero uno per questo periodo di scorrimento di sangue’, in cui accusava Erdogan di avere volutamente trascinato il Paese nel conflitto con il Pkk curdo per recuperare consensi in vista del voto

Hasan Cemal (foto tratta dal profilo Facebook.com)

anticipato del primo novembre prossimo. Non è la prima volta che Cemal si trova a scontrarsi con Erdogan, sottolinea l’Ansa. Già nel 2013 il giornalista si dimise dal quotidiano Milliyet in polemica con il suo direttore, Derya Sazak, che gli aveva bocciato un articolo. In seguito lo stesso Sazak ammise che c’erano state pressioni dirette in tal senso da parte di Erdogan al suo editore, il potente imprenditore Yildirim Demiroren. Nel primo anno appena trascorso di Erdogan come presidente almeno 230 persone sono state indagate e oltre 70 portate in tribunale per presunte offese nei suoi confronti.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Editoria, da Mibact  40 milioni per la filiera del libro. Firmati i decreti attuativi del Dl Rilancio

Editoria, da Mibact 40 milioni per la filiera del libro. Firmati i decreti attuativi del Dl Rilancio

Radio, con la Fase 2 torna a farsi sentire l’ascolto in auto (+20%). Ter: nuove abitudini con la “nuova normalità”

Radio, con la Fase 2 torna a farsi sentire l’ascolto in auto (+20%). Ter: nuove abitudini con la “nuova normalità”

Arriva il Fondo Salva Calcio della Figc: 21,7 milioni di euro. Gravina: volano per la ripresa del sistema calcio

Arriva il Fondo Salva Calcio della Figc: 21,7 milioni di euro. Gravina: volano per la ripresa del sistema calcio