Antonio Franchini lascia Mondadori: l’editor napoletano approda in Giunti. Libertà d’iniziativa e potenziale commerciale le probabili motivazioni della scelta

Antonio Franchini, editor cinquantasettenne napoletano, lascia il suo ruolo nella casa editrice Mondadori per andare a lavorare in Giunti. La notizia – nel panorama editoriale italiano – ha un notevole rilievo. Come riportato dal Post, la sua eccezionalità è ascrivibile a due fattori:

Antonio Franchini

il primo, perché Franchini  è probabilmente il più noto e ammirato editor italiano, responsabile di scelte e pubblicazioni importantissime e di successo nella letteratura italiana degli ultimi decenni, e Mondadori è sempre stato il suo posto. Secondo, perché la sua scelta avviene in un momento delicato per il business dei libri in generale e per i destini di Mondadori in particolare, data l’incombenza del discusso acquisto – ancora ipotetico, ma considerato molto probabile – di Rizzoli Libri appunto da parte di Mondadori, e delle conseguenze che potrebbe avere nella distribuzione dei ruoli successivi.
In Giunti Franchini (che è anche a sua volta scrittore) sarà direttore editoriale. A convincere Franchini dell’offerta di Giunti hanno probabilmente concorso il ruolo e la libertà di iniziativa di cui disporrà, ma anche il potenziale commerciale della grande catena di librerie di Giunti. Come ricorda stamattina il Corriere della Sera, a Franchini sono attribuite le pubblicazioni e i risultati degli ingressi nella carriera letteraria di Paolo Giordano, Alessandro Piperno, Roberto Saviano, Daria Bignardi, Mauro Corona, tra gli altri.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Chiara e Valentina Ferragni affidano a Triboo restyling del sito, seo e programmatic

Chiara e Valentina Ferragni affidano a Triboo restyling del sito, seo e programmatic

Costa, ministro Ambiente: il piano di comunicazione mai approvato dal ministero, ora c’è e ha le risorse

Costa, ministro Ambiente: il piano di comunicazione mai approvato dal ministero, ora c’è e ha le risorse

La Liga spagnola primo campionato di calcio a siglare una partnership con Twitch

La Liga spagnola primo campionato di calcio a siglare una partnership con Twitch