Renzi sui talk show: fanno meno ascolti della replica di Rambo. Il racconto del Paese non può essere pigro e mediocre

“Se tutti e due i talk show del martedì fanno meno di Rambo, di una replica della replica, vuol dire che trama conosciuta per trama conosciuta, finale già scritto per finale già scritto, si sceglie la storia che è scritta meglio, dagli americani”. Lo ha detto il premier Matteo Renzi alla direzione Pd, dove si sta cercando di trovare un accordo con la minoranza del suo partito sulla riforma elettorale, riporta Ansa. Il primo ministro si riferisce alle percentuali di share raccolto dai talk show ‘Ballarò’ e ‘DiMartedì’ martedì 15 settembre, nettamente più basse rispetto a quella di Rete 4, che aveva messo in onda in prima serata Rambo, un film considerato un classico del grande e del piccolo schermo dal 1982, anno della sua uscita.

il premier Matteo Renzi ospite nel salotto di ‘Porta a porta’ nella puntata del 7 settembre (foto Olycom)

La prima a commentare era stata la senatrice del Pd Laura Cantini, componente della commissione di Vigilanza Rai, con un Tweet: ”La replica di Rambo fa più ascolti di Ballarò e DiMartedì. Nuova stagione, vecchi talk. Faziosità e chiacchiericcio hanno stancato?” Oggi anche Renzi ha detto la sua: “Ho visto cambiare l’umore dei deputati e senatori Pd quando sono ricominciati i talk show. Lasciateli fare: il racconto del paese non può essere quello pigro e mediocre che va tutto male. Le cose che non vanno si cambiano”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Le famiglie italiane e la loro ‘nuova normalità digitale’ nel rapporto Auditel/Censis sul lockdown

Le famiglie italiane e la loro ‘nuova normalità digitale’ nel rapporto Auditel/Censis sul lockdown

Rai, per il sottosegretario Martella serve cambiare governance e sistema

Rai, per il sottosegretario Martella serve cambiare governance e sistema

Mia, boom di presenze: 8mila visite on site e online, tantissimi gli stranieri da 50 Paesi

Mia, boom di presenze: 8mila visite on site e online, tantissimi gli stranieri da 50 Paesi