Google nel mirino dell’Antitrust americano per Android: le autorità starebbero indagando sulla presunta limitazione nell’accesso dei competitor al suo sistema operativo. (INFOGRAFICA)

Google Inc. tornato sotto il controllo dell’antitrust statunitense. I funzionari starebbero verificando un presunto blocco negli accessi al sistema operativo Android mobile per i suoi concorrenti.  A riportarlo è BloombergBusiness
La Federal Trade Commission ha raggiunto un accordo con il Dipartimento di Giustizia per guidare un’indagine del business Android di Google. L’indagine è alle fasi iniziali, e potrebbe finire senza una causa contro l’azienda. L’Unione europea ha anche iniziato una propria indagine sulla piattaforma Android di Google in seguito a denunce, anche da un gruppo che rappresenta Microsoft, Expedia Inc. e Nokia Oyj. Non è chiaro fino a che punto gli investigatori antitrust UE e USA stiano collaborando.

Il sistema operativo Android di Google rappresentato il 59 per cento del mercato degli smartphone Usa nel secondo trimestre, mentre il software di Apple Inc. iPhone ha avuto 38 per cento, secondo International Data Corp., una società di ricerche di mercato con sede in Massachusetts Framingham,. La piattaforma di Windows Phone di Microsoft è terzo con 2,35 per cento.

Mercato degli smartphone in Usa, Bloomberg Business

La piattaforma mobile Android lega insieme diversi prodotti Google, tra cui la ricerca e le mappe, facendo eco alle piattaforme ancora dominante di Microsoft Windows di quasi due decenni fa.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Rassegne stampa, il Tar conferma la decisione Agcom: non sono riproducibili gli articoli a riproduzione riservata

Rassegne stampa, il Tar conferma la decisione Agcom: non sono riproducibili gli articoli a riproduzione riservata

Cinema, dal Mibact 120 milioni per il settore. Franceschini: servono nuovi investimenti

Cinema, dal Mibact 120 milioni per il settore. Franceschini: servono nuovi investimenti