Giovani, soprattutto europei e preoccupati di come saranno utilizzati i loro dati. Ecco chi sono gli adblockers (INFOGRAFICA)

Sulla scia della decisione di Apple di inserire nel suo nuovo iOS9 sistemi di adblocking, GlobalWebIndex ha tratteggiato il profilo di chi già utilizza questi tool sul proprio pc. Secondo quanto emerge dalla ricerca, sono soprattutto i giovani a guidare la classifica di coloro che scelgono di mettere al bando la pubblicità nelle pagine internet durante la navigazione e in particolare i maschi.
Quello che colpisce è comunque il numero di coloro che già usano questi strumenti. Facendo una panoramica su tutti i continenti, si comporta così almeno un quarto degli utenti internet, con un picco del 30% in Europa, dove, sottolinea il sito, la questione è particolarmente calda anche grazie agli interventi delle autorità.
Sicuramente la scelta di utilizzare questi sistemi risiede principalmente nella volontà di non essere interrotti durante la navigazione, ma, nota la ricerca, sono in tanti quelli che scelgono di istallarli anche per non essere ‘targettizzati’, perchè preoccupati di come verrano utilizzati i loro dati dalle compagnie.

Infografica ripresa dal sito GlobalWebIndex.com

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Al via l’assemblea della Lega Serie A dedicata alla bollente questione dei diritti tv. Presenti tutti i club

Al via l’assemblea della Lega Serie A dedicata alla bollente questione dei diritti tv. Presenti tutti i club

Una piattaforma digitale unica per le news dei servizi pubblici, Foa: Rai in prima fila al progetto, una rete europea di 40mila giornalisti

Una piattaforma digitale unica per le news dei servizi pubblici, Foa: Rai in prima fila al progetto, una rete europea di 40mila giornalisti

Twitter vuole monetizzare con contenuti a pagamento. Il servizio Super Follows consentirà a creatori e editori di essere supportati dal pubblico

Twitter vuole monetizzare con contenuti a pagamento. Il servizio Super Follows consentirà a creatori e editori di essere supportati dal pubblico