Radio Padania non chiude. Salvini: “È uno strumento fondamentale per il nostro movimento. Noi ci siamo e non abbiamo intenzione di tacere”

“Radio Padania non chiude. Noi ci siamo e non abbiamo intenzione di tacere. A qualcuno dà fastidio ma a noi va bene”. A parlare è il segretario della Lega, Matteo Salvini, ai microfoni dell’emittente del Carroccio assicurando che la radio non chiuderà. Lo riporta Asca. Smentita quindi la voce che, dopo TelePadania e il quotidiano La Padania, sarebbe stata rottamata anche la radio del partito.

Matteo Salvini (foto Olycom)

“Per noi è impensabile chiudere il flusso tra i nostri sostenitori e la radio – aveva già detto rispondendo a un radioascoltatore – E poi la radio è fondamentale per il nostro movimento, senza non ci sarebbe stata la straordinaria Pontida di quest’anno”. Il leader del Carroccio a proposito dell’informazione targata Lega ha detto: “Non riusciamo a fare tutto, a salvare il giornale e la tv anche perchè con l’offerta televisiva del digitale oggi… La radio invece c’è, è rognosa e poi la radio cresce, informa e fa parlare la gente”. Durante il suo intervento Salvini ha colto l’occasione per chiedere più volte un aiuto ai sostenitori per finanziare la radio: “Abbiamo bisogno di voi, ve lo chiediamo col cuore in mano”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

TOP 15 GIORNALISTI più attivi sui social e post più popolari a maggio. In vetta ancora Scanzi, mentre Porro supera Mentana

TOP 15 GIORNALISTI più attivi sui social e post più popolari a maggio. In vetta ancora Scanzi, mentre Porro supera Mentana

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Rassegne stampa, il Tar conferma la decisione Agcom: non sono riproducibili gli articoli a riproduzione riservata

Rassegne stampa, il Tar conferma la decisione Agcom: non sono riproducibili gli articoli a riproduzione riservata