Google è diventata ufficialmente Alphabet. Da oggi gli scambi in borsa con il nuovo nome

Dopo l’annuncio a sorpresa dell’agosto scorso, dal 5 ottobre Google diventa ufficialmente una controllata della nuova holding Alphabet, al pari delle altre divisioni di Big G, attive in diversi settori, dall’health-care al trasporto.

Il cambiamento anche il borsa, dove i vecchi azionisti vedranno le loro azioni automaticamente convertite in quelle della nuova società, ma d’ora in avanti le trattazioni al Nasdaq avverranno con il nuovo nome, anche se resteranno le sigle Googl e Goog. Nuovo anche il motto, con il “fai la cosa giusta” che sostituisce il vecchio “Don’t be evil”, non essere cattivo.

Larry Page

Larry Page,ad di Alphabet

L’idea, attraverso questa riorganizzazione, aveva detto al momento dell’annuncio Larry Page, che nella nuova holding ha la carica di amministratore delegato,mentre il suo socio Sergey Brin quella di presidente, è quella migliorare il funzionamento della società, consentendo anche lo sviluppo  della nuove aree operative.

Oltre a Google, sotto il cui cappello rientreranno le attività di YouTube, Android, Search, AdSense, Maps, in Alphabet saranno inserite le divisioni Nest per lo sviluppo di tecnologie domotiche; Fiber dedicata rete di distribuzione internet in fibra ottica; le health-care unit Calico e Google Life Sciences. Google Capital si occuperà principalmente degli investimenti in borsa e di tutta la parte finanziaria di Alphabet, mentreGoogle Venture si occuperà di scovare potenziali aziende da acquistare. Google X invece continuerà il proprio lavoro di sviluppo di tecnologie innovative.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

TOP 15 GIORNALISTI più attivi sui social e post più popolari a maggio. In vetta ancora Scanzi, mentre Porro supera Mentana

TOP 15 GIORNALISTI più attivi sui social e post più popolari a maggio. In vetta ancora Scanzi, mentre Porro supera Mentana

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Rassegne stampa, il Tar conferma la decisione Agcom: non sono riproducibili gli articoli a riproduzione riservata

Rassegne stampa, il Tar conferma la decisione Agcom: non sono riproducibili gli articoli a riproduzione riservata