Google e Lagardère firmano un accordo per rilanciare i contenuti digitali e garantire la promozione sul web

Dopo la presentazione della nuova piattaforma Amp Html- che garantirà maggiore fruibilità per i contenuti web su smartphone e tablet – Google mette a segno un altro traguardo. Insieme con Lagardère Active hanno annunciato la firma di una partnership strategica a lungo termine. La notizia – diffusa da Les Echois – spiega l’obiettivo del progetto: garantire la promozione e l’accessibilità dei contenuti.

Larry Page, ceo Google

Larry Page, ceo Google

Inoltre l’accordo fornirà più varietà per il gruppo Active Lagardère tramite piattaforme tecnologiche di Google. Il piano strategico prevede lo sviluppo di canali di YouTube e spot di marchi esistenti ma con contenuti originali. La partnership tra i due gruppi consentirà Lagardère Active di accelerare la trasformazione digitale della società.
Questa collaborazione comprende anche l’istituzione di comitati strategici regolari per monitorare le iniziative e individuare nuove opportunità di collaborazione al fine di garantire i benefici di entrambi i gruppi.

A gravitare intorno all’orbita del progetto ci sarebbe anche Axel e Springer, Cmm e Benchmark. L’accordo prevede un contratto di tre anni, rinnovabile alla scadenza; inoltre prevede anche che Google metta completamente a disposizione di Lagardère – almeno per i primi tempi – la tecnologia innovativa del colosso del web.

Carlo d’Asaro Biondo, presidente per l’Europa, Medio Oriente e Africa incaricato di relazioni strategiche di Google ha dichiarato: “Siamo lieti di entrare in questa partnership strategica con Lagardère Active per accompagnare la sua trasformazione digitale, fornendo ai nostri utenti un maggiore accesso attraverso format innovativi con contenuti ricchi e diversificati. I nostri team sono in attesa di questa collaborazione con uno dei leader storici nella produzione, pubblicazione e distribuzione di contenuti in Francia ‘.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Tv e relazioni sociali i pilatri del lockdown. Istat: televisione seguita dal 92% dei cittadini “indispensabile canale di aggiornamento”

Rassegne stampa, il Tar conferma la decisione Agcom: non sono riproducibili gli articoli a riproduzione riservata

Rassegne stampa, il Tar conferma la decisione Agcom: non sono riproducibili gli articoli a riproduzione riservata

Cinema, dal Mibact 120 milioni per il settore. Franceschini: servono nuovi investimenti

Cinema, dal Mibact 120 milioni per il settore. Franceschini: servono nuovi investimenti