Israele chiede a Youtube e Facebook di rimuovere video che incoraggiano la violenza dei palestinesi

Israele ha chiesto a Youtube e Facebook di rimuovere alcuni firmati che incoraggiano le violenze palestinesi, mostrando attacchi passati come esempio da seguire. Come ha riferito il portavoce del ministero degli esteri, Emmanuel Nahson – si legge su Times of Israel – si è richiesto a Google Israel – responsabile anche per Youtube – e a Facebook, di cancellare video che “mostrano recenti attacchi terroristici, incoraggiano gli aggressori e mostrano ebrei e israeliani in modo razzista”.

Emmanuel Nahson, portavoce del ministero degli esteri di Israele (foto da bz-berlin.de)

In particolare, si fa riferimento a un link che riporta a un’animazione grafica di 45 secondi dove viene riprodotto l’assassinio della coppia di coloni uccisi il primo ottobre in Cisgiordania. Mercoledì 8 ottobre Youtube aveva già rimosso un video dal canale di Hamas, anche se è ancora disponibile ad altri indirizzi.

La lettera indirizzata a Google sottolinea anche la “natura razzista e antisemita” dei commenti sotto al video. La società di Mountain View non è voluta entrare nello specifico, limitandosi a ricordare, tramite il suo portavoce Paul Solomon, che la sua “politica chiara vieta contenuti di violenza gratuita, parole d’odio e incitamento a commettere atti violenti” e simili video vengono rimossi.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

25 novembre contro la violenza sulle donne – Come il mondo della comunicazione (e della politica) dice Basta!

25 novembre contro la violenza sulle donne – Come il mondo della comunicazione (e della politica) dice Basta!

Twitter: nel 2021 Twitter nuovo sistema per verificare gli account con la spunta blu

Twitter: nel 2021 Twitter nuovo sistema per verificare gli account con la spunta blu

TOP100 Audiweb Week 9-15 novembre. Cresce l’audience delle news: Corriere sempre primo, salgono sul podio Fanpage e Messaggero

TOP100 Audiweb Week 9-15 novembre. Cresce l’audience delle news: Corriere sempre primo, salgono sul podio Fanpage e Messaggero